Menu

Protesi d'anca: rischi e complicanze dell'intervento

1 giugno 2021

Ripresa delle propria autonomia, miglioramento sostanziale della qualità di vita e del benessere psicofisico, risoluzione dei sintomi: i vantaggi dell’artroprotesi d’anca sono numerosi ed innegabili.

Come ogni intervento chirurgico, possono però verificarsi rischi e complicanze: è bene quindi conoscerli per essere preparati e consapevoli del decorso post-operatorio e vivere questo momento il più serenamente possibile.

Continua a leggere. 

 

L'intervento di artroprotesi d'anca: vantaggi e possibili risvolti post-operatori

Per superare definitivamente il dolore all’anca e gli invalidanti sintomi causati dalla coxatrosi la sostituzione dell’articolazione grazie all’uso di una protesi è sicuramente la strada ottimale da intraprendere.

Ripresa delle attività quotidiane e della propria autonomia, miglioramento sostanziale della qualità di vita, ridotti tempi di recupero: i vantaggi dell’artroprotesi d’anca sono numerosi ed innegabili.

Come ogni intervento chirurgico, possono verificarsi rischi e complicanze: è bene quindi conoscerli per essere preparati e consapevoli del decorso post-operatorio e vivere questo momento il più serenamente possibile.

L’intervento di protesi d’anca, indipendentemente dalla tecnica chirurgica utilizzata, è generalmente molto sicuro: i diversi rischi e complicazioni sono infatti molto rari e altamente improbabili. È tuttavia necessario esserne informati per riconoscerli e segnalarli tempestivamente al medico specialista.

 

Protesi d’anca: dolore post-operatorio e campanelli d’allarme

Dopo l’intervento di protesi d’anca uno dei disturbi più frequenti e più temuti dai pazienti è il dolore. Non si tratta di una complicanza dell’operazione, ma di un sintomo molto comune: nei giorni successivi all’artroprotesi è normale infatti avvertire dolore all’anca, poiché l’intervento di protesi è di solito invasivo.

Seppur i tempi di cessazione del dolore dipendano da paziente a paziente, il disturbo non è prolungato e tende ad affievolirsi già dalle prime sessioni di fisioterapia.

Possono invece presentarsi altri sintomi, a cui prestare attenzione per poter tempestivamente identificare la natura del problema. Tra i segnali di allarme più comuni abbiamo:

  • in condizioni normali il dolore tende a diminuire poco a poco, un aumento repentino di quest’ultimo rappresenta invece un campanello di allarme da monitorare;
  • arrossamento della cute nell’area operata;
  • comparsa di gonfiore o edema nella zona interessata.

 

Intervento di protesi d’anca: rischi e complicanze

Essendo un’operazione chirurgica invasiva, come tutti gli interventi si possono presentare delle complicanze, anche se i casi sono molto rari: l’esito di un’artroprotesi è generalmente positivo e la percentuale di rischio è molto bassa.

Per essere pienamente consapevoli visioniamo insieme i possibili rischi e complicazioni relative alla sostituzione dell’anca.

1. Lussazione d’anca

Tra i rischi più comuni della chirurgia protesica d’anca vi è la lussazione della protesi: questa si presenta quando la testa dell’impianto fuoriesce dalla sua sede naturale, la coppa. Il rischio di lussazione può presentarsi nei primi mesi dopo l’operazione, a seguito di:

  • una flessione dell’anca oltre i 90°;
  • movimenti scorretti e da evitare nella fase di recupero, come incrociare le gambe o effettuare piegamenti.

La lussazione d’anca può comportare una leggera differenza nella lunghezza delle gambe: spesso a causa di un scorretto allineamento del bacino, precedente all'intervento, questo disavanzo è solo un’impressione del paziente.

2. Infezioni

L’infezione è un rischio che caratterizza qualsiasi intervento chirurgico: generalmente sono le stesse difese immunitarie del paziente a prevenire questa complicanza, ma talvolta non sono sufficienti. Causate da una proliferazione batterica, le infezioni colpiscono i tessuti in prossimità dell’impianto protesico: gonfiore, arrossamento e un crescente dolore all’anca sono i principali segnali che ne indicano la presenza.

3. Trombosi

Uno dei rischi più rari è rappresentato dall’insorgenza di trombi nelle vene delle gambe. Esistono tuttavia una serie di procedure preventive a questo rischio, come l’utilizzo di farmaci anticoagulanti, l’uso delle calze elastiche durante il decorso post-operatorio e la mobilizzazione precoce.

Il reparto di Ortopedia dell’Ospedale Sacra Famiglia di Erba ha sviluppato una particolare tecnica chirurgica per il trattamento della coxartrosi grave: questo approccio all’intervento di protesi d’anca presenta vantaggi comuni alla tecnica tradizionale e a quella mininvasiva. Leggi di più al seguente articolo: "Intervento di protesi d'anca: l'approccio chirurgico dell'Ospedale Sacra Famiglia di Erba".

 

Se stai valutando di sottoporti ad un intervento di artroprotesi d'anca e desideri sapere come preparati al meglio, clicca il bottone in basso e scarica la nostra Guida Pratica per pazienti!

Guida al 5 per mille

Ci dedichiamo per missione ai malati e ai bisognosi coniugando l’attenzione al corpo e allo spirito nel rispetto della persona e della sua individualità.
Attraverso la promozione delle opere portiamo il Vangelo nel mondo della sofferenza e del dolore affiancando il paziente come professionisti della salute.

Guida al 5 per mille
Test HOOS
Essere Fatebenefratello
New call-to-action

Potrebbero interessarti anche