<img height="1" width="1" style="display:none" src="https://www.facebook.com/tr?id=681187855637383&amp;ev=PageView&amp;noscript=1">
Menu

Coronavirus: attivato supporto psicologico e spirituale del Centro Pastorale Provinciale

Stiamo vivendo un periodo storico nel quale ognuno di noi si trova coinvolto in una realtà che non ha paragoni: l'isolamento e il senso di incertezza, causati dalla pandemia, hanno un serio impatto sulle nostre vite e sul nostro benessere, che è messo a dura prova. 

Per esprimere vicinanza, solidarietà e conforto il Centro Pastorale Provinciale ha attivato un servizio di supporto psicologico, umano e spirituale a chiunque ne abbia bisogno. 

 

Gli effetti "collaterali" del Coronavirus: il supporto non è solo fisico

Conseguenze psicologiche del Coronavirus

Ogni giorno si spera che il peggio sia alle spalle, che tutto sia finalmente passato: dall’inizio della crisi del Coronavirus purtroppo le normative a tutela della sicurezza collettiva si sono prolungate e ancora oggi tutti noi ci troviamo catapultati in una situazione “surreale”.

I primi a precipitare nel vortice provocato dalla pandemia sono stati medici, infermieri e operatori sanitari, impegnati in una corsa contro il tempo per arginare i contagiati. Questi cambiamenti così radicali non hanno interessato solo i malati e l’équipe sanitaria, ma tutti noi, seppur in modi diversi.

Chi è costretto a casa in una sorta di “bolla sospesa” in costante attesa. Chi è in apprensione per il destino dei propri cari e deve far fronte nel quotidiano ad angoscia e paure, amplificate dalle distanze forzate e dai limiti imposti dall’isolamento. Chi, più dolorosamente, deve confrontarsi con il dolore per la perdita di una persona cara.

È ormai evidente che fattori come l’isolamento sociale, la reclusione in casa e il peso dell’incertezza possano colpirci nel profondo. L’importante è ricordarsi che in verità non si è mai soli.

 

Le conseguenze psicologiche dell'isolamento sociale: segnali da non sottovalutare

Nessuno di noi si era mai trovato prima ad affrontare una simile situazione. Stando in casa, molti stanno sviluppando ansia e malessere per la situazione generale di sospensione, derivata dall’emergenza sanitaria e dall’insicurezza economica.

Altri, invece, sono sempre più dipendenti dai mezzi di informazione in modo da rimanere sempre aggiornati e mantenere una connessione con cosa succede “fuori”. O ancora, una delle difficoltà più gravi è per coloro che stanno vivendo un lutto in prima persona, sperimentato in maniera del tutto nuova la paura della perdita.

Anche se spesso si tende a guardare dall’altra parte e a considerare queste sensazioni di angoscia e di sofferenza come un semplice effetto della quarantena e del distanziamento sociale, queste conseguenze psicologiche sono invece più che normali e non vanno sottovalutate.

Quello che sta accadendo negli ospedali e nelle case degli Italiani in questo momento è molto legato, anche se sembra distante: sarebbe un errore non creare dei momenti di ascolto ed elaborazione degli effetti “collaterali” della pandemia.

 

Centro Pastorale Provinciale, un servizio di supporto umano, spirituale e psicologico

CPP: servizio di supporto spirituale e psicologico

Come Centro Pastorale abbiamo voluto metterci a disposizione di tutti coloro che in questo momento si sentono sopraffatti dagli eventi, invitandoli a non esitare a chiedere aiuto e sostegno.

Non sempre abbiamo a disposizione quelle risorse necessarie che ci consentono di ristabilire l’equilibrio: quando tristezza, paura, angoscia, nervosismo, sconforto, senso di abbandono si manifestano in queste giornate, più che mai si ha bisogno di un confronto, di una parola amica attraverso un supporto, anche competente.

In quanto Ordine religioso e ospedaliero, sentiamo forte l’obbligo di reagire e creare ponti cosicché, in ciascuna famiglia, nel silenzio di ogni casa, non ci si senta sopraffatti da sentimenti negativi e non si agisca intensificando la sofferenza. 

Ci rivolgiamo anche a tutti coloro che, se lo ritengono, possono segnalarci situazioni di amici, parenti, colleghi che volentieri contatteremmo per stare accanto alla loro sofferenza: offriamo un supporto umano, spirituale e psicologico grazie a uno sportello telefonico attivato di recente.

 

Per esporre la vostra richiesta e fissare un appuntamento:

Inoltre, ricordiamo che la segreteria del Centro Pastorale Provinciale è attiva dal martedì al venerdì dalle ore 9.00 alle ore 15.30 al numero 030.3501585.

 

Ordine Ospedaliero Fatebenefratelli: mettere al centro delle cure la persona umana 

Fin dalle origini, l'Ordine Ospedaliero San Giovanni di Dio si è impegnato in un nuovo modello di assistenza al malato, in cui l'essere umano è accolto e assistito con amore e nella sua totalità. 

“Dobbiamo dare un’assistenza che consideri tutte le dimensioni della persona umana: fisica, psichica, sociale e spirituale. Soltanto un’attenzione che consideri tutte queste dimensioni, almeno come criterio di lavoro e come obiettivo da raggiungere, potrà considerarsi come assistenza integrale 
(Carta d’Identità dell’Ordine 5.1.).

Il Centro Pastorale Provinciale, organismo della Provincia Lombardo-Veneta, si occupa proprio di perseguire il servizio di accompagnamento umano, spirituale e pastorale nei centri assistenziali ed ospedalieri dei Fatebenefratelli per rispondere ai bisogni non solo fisici della persona e avere un supporto professionale e competente.

Se tu o un tuo caro avete bisogno di aiuto o di un supporto umano, non esitare ad entrare in contatto con noi. Saremo felici di ascoltare le tue richieste!

Ci dedichiamo per missione ai malati e ai bisognosi coniugando l’attenzione al corpo e allo spirito nel rispetto della persona e della sua individualità.
Attraverso la promozione delle opere portiamo il Vangelo nel mondo della sofferenza e del dolore affiancando il paziente come professionisti della salute.

Carta di identità dell'Ordine
Bioetica
Essere Fatebenefratello
New call-to-action

Potrebbero interessarti anche