Menu

Frammenti di bellezza: il Laboratorio di Mosaico del Centro Sant'Ambrogio

Tra le varie attività educative e creative promosse dal Centro Sant'Ambrogio un grande successo ha avuto il Laboratorio di Mosaico dal nome "Frammenti di bellezza". Un'iniziativa che si pone all'interno dei laboratori educativi e creativi che hanno l'obiettivo di aiutare gli Ospiti a svolgere al meglio il proprio percorso coniugando momenti di formazione e di svago

Continua a leggere.

 


Ogni singola parte compone l'insieme: il valore della condivisione

Il progetto “Frammenti di bellezza” è stato rivolto alle Comunità di Psicogeriatria del Centro e condotto da due professioniste del team ARTIS Onlus, in collaborazione con gli educatori di riferimento.

Il laboratorio di mosaico, iniziato a giugno 2021, ha previsto sedici incontri ai quali hanno partecipato tre Ospiti per ogni Comunità, scelti grazie alla supervisione professionale della Psicologa di area.

Che attività hanno svolto gli Ospiti? Ai partecipanti è stato proposto di realizzare un mosaico partendo da alcune piastrelle di scarto: sono state prima pitturate, poi cotte e infine frantumate. Ognuno di questi frammenti è servito per creare una vera e propria opera d’arte comune, basata su un’idea scelta tra le varie proposte fatte dagli Ospiti stessi.

Insieme quindi, ogni parte ha composto il risultato finale: ogni piastrella ha dato vita al mosaico; ogni partecipante ha contribuito al successo del Gruppo.

 

Progetti Speciali Centro Sant'Ambrogio

 

Il Carisma del supporto durante le difficoltà

Gli Ospiti coinvolti nella realizzazione del progetto sono stati in gran parte entusiasti dell'iniziativa. In particolare, una partecipante era di principio un po’ scettica: insicura e dubbiosa delle sue capacità, si è piano piano sentita più rassicurata grazie alla stimolazione e al supporto delle specialiste e dell’educatrice che l’hanno affiancata.

In generale, tutti gli Ospiti hanno trovato delle difficoltà e talvolta hanno anche fatto fatica a svolgere i vari passaggi richiesti. Nonostante ciò, tutti sono stati motivati e spronati dalla voglia di vedere l’opera conclusa. 

Gli Operatori hanno cercato di aiutarli a superare gli ostacoli, tentando di far capire loro che non era necessario che il lavoro fosse perfetto: l’imperfezione è umanamente normale ed esprime creatività e bellezza.

Inoltre, gli Operatori hanno cercato di infondere sicurezza, incentivando i partecipanti a esprimersi con molta libertà, rassicurando in merito al fatto che nessuno sarebbe stato giudicato per il lavoro svolto.

Questa iniziativa ha dato la possibilità ad Operatori e Ospiti di avvicinarsi maggiormente, consolidando il rapporto. Ma soprattutto ha consentito ad alcuni Pazienti di vivere una nuova esperienza che ha contribuito ad aumentare l’autostima, migliorare l’abilità manuale e risvegliare la creatività e la fantasia.

Raccogliendo le testimonianze dei pazienti durante una Riunione di Comunità, alcuni di loro hanno confidato di essere stati estremamente orgogliosi nel vedere il loro lavoro esposto al pubblico: si sono sentiti “speciali” all’interno di un “progetto speciale”.

 

Se hai bisogno di ricevere informazioni sulle nostre Strutture, contattaci cliccando il pulsante in basso. Saremo felici di ascoltare la tua richiesta.

Contattaci se hai bisogno

Ci dedichiamo per missione ai malati e ai bisognosi coniugando l’attenzione al corpo e allo spirito nel rispetto della persona e della sua individualità.
Attraverso la promozione delle opere portiamo il Vangelo nel mondo della sofferenza e del dolore affiancando il paziente come professionisti della salute.

Guida al 5 per mille
Test HOOS
Essere Fatebenefratello
New call-to-action

Potrebbero interessarti anche