<img height="1" width="1" style="display:none" src="https://www.facebook.com/tr?id=681187855637383&amp;ev=PageView&amp;noscript=1">
Menu

30° Congresso di Chirurgia dell’Apparato Digerente: la partecipazione del Dott. A. Porta

26 novembre 2019

Il 28 e 29 novembre si terrà a Roma il Congresso di Chirurgia dell’Apparato Digerente, giunto alla sua trentesima edizione. Organizzato dal Professor Giorgio Palazzini e promosso dall'Università La Sapienza di Roma in collaborazione con Laparascopic.it, l’evento è ormai uno degli incontri scientifici più rilevanti del settore per il suo valore altamente formativo.

Prenderà parte al Congresso anche il Dott. A. Porta, direttore U.O.C. di Chirurgia Generale dell’Ospedale Sacra Famiglia di Erba (CO), che con il suo Team eseguirà degli interventi chirurgici in laparoscopia in Live Surgery (Chirurgia in diretta).

  

La 30° edizione del Congresso: formazione e divulgazione scientifica

Un appuntamento scientifico unico nel suo genere, considerato uno dei più importanti nell’ambito di Chirurgia Generale: anno dopo anno la fama del Congresso è cresciuta enormemente, tanto da essere riconosciuto come vera e propria formazione professionale per i chirurghi e da ricevere il sostegno di scuole di specializzazione chirurgica.

Sessioni di relazioni, tavole rotonde e simposi: l’evento offre una panoramica completa sulle ricerche e le opinioni di affermati esperti del settore, non solo italiani ma anche stranieri. ‘’Questo congresso è nato nel 1985 quando la tecnologia permetteva dei piccoli collegamenti punto-punto da dieci chilometri di distanza. Con l'evolversi di internet abbiamo avuto l'opportunità di collegarci con i cinque continenti tant'è vero che iniziamo con collegamenti dal Giappone, Australia e piano piano veniamo verso l'Italia e poi chiudiamo l'evento finendo in California’’, spiega il professore Palazzini.

Non a caso, grazie alle nuove tecnologie a disposizione, il Congresso ha compiuto un ulteriore passo sul cammino dell’innovazione medica: sono migliaia gli iscritti sul web, che già negli anni precedenti hanno seguito l’evento in streaming da oltre 60 nazioni, e sono ben 100 le sale operatorie, impegnate in interventi in Live Surgery collegate in Italia e oltre 30 dall’estero.

 

Live Surgery: sale operatorie in diretta

Al Congresso le sale operatorie diventeranno “live”: la Chirurgia in diretta è da sempre motivo di orgoglio per l’evento, che viene utilizzata per offrire una straordinaria opportunità di interazione in tempo reale con le sale operatorie.

Grazie alle più moderne ed efficienti tecnologie, sarà possibile collegarsi con diversi paesi del globo, come Stati Uniti, Giappone, Francia, Inghilterra, Belgio e molti altri. Con l’utilizzo dell’innovativa tecnica in HD, al Congresso verranno trasmessi contemporaneamente fino a sedici interventi in diretta, proiettati sui maxischermi, permettendo ai partecipanti di seguire quello che per loro è di maggior interesse.

Poter trasmettere 100 collegamenti di Live Surgery richiede un enorme impegno organizzativo: per l’evento è impegnato un team di 250 persone, composto da personale altamente specializzato, in modo da assicurare la buona riuscita del Congresso. L’obiettivo ultimo è quello di divulgare la conoscenza scientifica in merito alla chirurgia digestiva, sia con tecnica open che con approccio laparoscopico, e di esporre nuove tematiche e aggiornamenti sia scientifici che pratici.

 

La partecipazione del Dott. A. Porta: interventi in laparoscopia

Tra i diversi chirurghi, riconosciuti in ambito nazionale e internazionale, ci sarà anche il direttore U.O.C. di Chirurgia Generale dell’Ospedale Sacra Famiglia di Erba (CO), il Dott. A. Porta. Sfruttando le modalità innovative della Live Surgery, il Dott. A. Porta e il suo team eseguirà diversi interventi in laparoscopia, contribuendo a creare un’esperienza di teledidattica di grande valore.

La laparoscopia è una tecnica chirurgica moderna mini-invasiva, grazie alla quale si può accedere alla cavità addominale e pelvica di un paziente, senza fare grandi incisioni solitamente richieste dalla chirurgia tradizionale a cielo aperto. Attraverso la realizzazione di piccole incisioni, utili per inserire particolari strumenti chirurgici, primo fra tutti il laparoscopio

Formazione, innovazione e qualità delle cure sono tre elementi che camminano di pari passo: è per questo che il nostro Ordine Ospedaliero si impegna per il continuo miglioramento di questi principi cardine tramite una particolare attenzione per l'approccio alla patologia, l'approccio alla tecnica e l'approccio alla tecnologia.

 

Per sapere di più sulle ultime novità nel mondo sanitario, clicca il pulsante in basso e ricevi l’approfondimento!

I trend del settore sanitario

Ci dedichiamo per missione ai malati e ai bisognosi coniugando l’attenzione al corpo e allo spirito nel rispetto della persona e della sua individualità.
Attraverso la promozione delle opere portiamo il Vangelo nel mondo della sofferenza e del dolore affiancando il paziente come professionisti della salute.

Carta di identità dell'Ordine
Bioetica
Essere Fatebenefratello
New call-to-action

Potrebbero interessarti anche