Menu

Disturbo misto del linguaggio: l'agnosia uditiva verbale e il disordine fonologico sintattico

14 giugno 2022

I Disturbi Specifici del Linguaggio (DSL) sono disturbi del neurosviluppo e si suddividono in diverse categorie. Tra queste abbiamo i Disturbi misti del linguaggio: di cosa si tratta e come si manifestano nel bambino? 

Continua a leggere per saperne di più.

 

Disturbi misti del linguaggio: cosa sono

I Disturbi misti del linguaggio si collocano all'interno dei disturbi pragmatici afferenti ai DSL. Per pragmatica si intende l’insieme degli aspetti di contesto che influenzano la comprensione e l'interpretazione di una frase pronunciata e letta.

Sebbene siano aspetti fondamentali per la buona riuscita della comunicazione, non sono correlati al sistema di codifica linguistica: si legano però alle competenze comunicative e cognitive generali. 

Disturbo misto del linguaggio

Quali sono le caratteristiche dei bambini che presentano disturbi nella pragmatica del linguaggio?

  1. Difficoltà nel desumere indicazioni dal contesto comunicativo: il bambino, fin dalla fase pre-scolare, ha difficoltà nel trarre informazioni dal contesto comunicativo.
  2. Non comprensione delle espressioni figurative o delle metafore, che implica la capacità di andare oltre al semplice significato letterale delle parole, intuendo le aspettative del proprio interlocutore e la valenza sociale della frase. 
  3. Incapacità di fare le giuste domande, per sopperire alla sbagliata interpretazione della frase pronunciata da terzi. 
  4. Utilizzo di frasi fatte o modi di dire, afferenti agli ambiti di loro interesse.
  5. Difficoltà ad inserirsi socialmente, mostrando forme di chiusura e isolamento.

Di fatto, essendo la pragmatica un dominio linguistico che racchiude in sé diversi aspetti della parola e dell'intero sistema cognitivo la sua prognosi e le cause della sua insorgenza sono ancora poco chiare

I disturbi misti del linguaggio si suddividono al loro interno da due tipologie: l'Agnosia Verbale Uditiva e Sindrome da deficit Fonologico-Sintattico.



Agnosia Verbale Uditiva

Nota anche come sordità verbale pura, implica difficoltà di tipo ricettivo che si correlano con la componente fonologica del linguaggio: si caratterizzata infatti da un deficit di forte intensità in merito alla comprensione e alla decodifica fonologica. In altre parole, è l'incapacità di comprendere il parlato.

Di fatto, i bambini stanno ancora sviluppando le basi del linguaggio, pertanto le difficoltà di comprensione sono legate, a livello pratico, alla formalizzazione di un discorso poco fluente sopratutto a livello fonologico.

Nei casi più gravi, i bambini affetti da Agnosia Verbale Uditiva descrivono l'ascolto del linguaggio parlato come un rumore privo di significato, ma riescono a interpretare il linguaggio attraverso la lettura labiale, i gesti e gli indizi contestuali. Viceversa, il parlare, la lettura e la scrittura sono preservati.

Agnosia Verbale Uditiva

 

Sindrome da deficit Fonologico-Sintattico

Si tratta di un disturbo caratterizzato dalla produzione di brevi enunciati e spesso non corretti grammaticalmente, con fonologia e vocabolario ridotti. In questo caso la comprensione risulta meglio conservata.

Le difficoltà espressive e ricettive non si limitano solamente al sistema fonologico, ovvero l'organizzazione dei suoni nelle parole, ma comprendono anche componenti morfosintattiche, ovvero la formalizzazione di frasi correttamente strutturate con soggetto-verbo-complementi.

Rappresenta il disordine più frequente tra i bambini, che spesso evidenziano un tempo di risposta alle domande sociali eccessivamente dilatato. Inoltre, il bambino tende a rispondere in modo non congruente alle domande che gli vengono poste e provare fastidio in contesti rumorosi.

Durante gli anni della scuola primaria possono emergere difficoltà di attenzione in classe, tendenza all'isolamento e attaccamento ai genitori in ambienti nuovi. Durante la scuola secondaria sono invece inclini a evitare ambienti rumorosi, hanno difficoltà a seguire la TV e a usare il telefono.

 

Hai il sospetto che il tuo bambino potrebbe avere un Disturbo del Linguaggio?
Scarica subito il Questionario PLC, un breve test che ogni genitore può compilare in autonomia per iniziare a capire meglio lo sviluppo del linguaggio del proprio bimbo.

 

Il questionario PLC per i genitori: 12 domande Disturbi del Linguaggio

Ci dedichiamo per missione ai malati e ai bisognosi coniugando l’attenzione al corpo e allo spirito nel rispetto della persona e della sua individualità.
Attraverso la promozione delle opere portiamo il Vangelo nel mondo della sofferenza e del dolore affiancando il paziente come professionisti della salute.

Guida al 5 per mille
Test HOOS
Essere Fatebenefratello
New call-to-action