Menu

L'iniziativa del Centro Sant'Ambrogio: un'opportunità per i professionisti in ambito artistico e culturale

Siamo vicini a chi ne ha più bisogno: l’Ordine Ospedaliero di San Giovanni di Dio si impegna a sostenere coloro che si trovano in difficoltà con atti concreti di solidarietà e aiuto.

È questo il proposito dell’ultima iniziativa messa in campo dal Centro Sant’Ambrogio, che intende promuovere nuove attività educative e culturali per i pazienti, soggetti ancora più vulnerabili a causa dell'attuale periodo di incertezza e di isolamento forzato, e coinvolgere professionisti e associazioni di promozione artistica in un’ottica di piena inclusione e di reciproco sostegno.

Continua a leggere e scopri il bando di progetto!


Centro Sant’Ambrogio, la nuova iniziativa

In questo momento complesso per tutta la società, e ancora di più per i nostri pazienti, il Centro Sant'Ambrogio intende collaborare e dare un segnale di aiuto a quelle categorie, in particolar modo liberi professionisti e associazioni che promuovono la cultura e l’arte a livello educativo e formativo, duramente colpiti dalla crisi sociale ed economica generata dalla pandemia.

Struttura sanitaria che opera nell'area psichiatrica, psicogeriatrica e della disabilità intellettiva, il Centro Sant'Ambrogio eroga prestazioni che si articolano in interventi di natura clinica, assistenziale e riabilitativa. La cura e l'assistenza alla persona affetta da disturbi psichici sono ispirate alla missione dell'Ordine Ospedaliero di San Giovanni di Dio: attribuire piena centralità al valore della persona umana.

Ogni giorno i nostri pazienti vivono la loro giornata all’interno di percorsi di cura strutturati ed organizzati. A causa dell’emergenza sanitaria in corso, che rappresenta una minaccia ancora più seria viste le fragilità dei nostri pazienti, prevediamo che fino a primavera inoltrata saremo costretti, nostro malgrado, a tenere chiusi i cancelli, impedendo l’uscita dei malati e l’accesso ai loro familiari.

È per questo che vogliamo proporre un rafforzamento delle attività occupazionali, educative e riabilitative attraverso l'opportunità – data a professionisti in ambito culturale e formativo – di realizzare progetti “ad hoc”, che si configurino come laboratori artistici ed educativi prettamente pensati per i nostri pazienti. 

"Insieme al nostro Priore, fra Giancarlo Lapic, e al nostro Direttore sanitario, il Dott. Gian Marco Giobbio, vogliamo dire a tutta la società civile che il Fatebenefratelli non rimane insensibile a quanto accade nella nostra società e si fa parte attiva e creativa per dare risposte concrete. Il Carisma del nostro Fondatore ci ha insegnato a prenderci cura di chi ha bisogno: siamo convinti che anche questa modalità di rete con il territorio sia una strada possibile": ha affermato il Dott. Lorenzo Guzzetti, Direttore di Struttura.


Progetti “ad hoc” per artisti e professionisti della cultura: durata e destinatari

Lo svolgimento dei progetti – che verranno approvati e concordati in tempi e modi con i primari e l’équipe medica delle varie comunità – sarà indicativamente di 2/3 ore alla settimana, con una durata che andrà dal 1° gennaio 2021 e si dovrà esaurire entro il 30 aprile 2021.

Le ore previste sono al massimo 50 e il progetto potrà avere un valore massimo di 5.000 euro IVA compresa, inclusi i costi di materiale o di altri professionisti coinvolti e necessari alla realizzazione dello stesso. 

Chi è invitato a partecipare a questa iniziativa e presentare i propri progetti? I destinatari sono principalmente:

  • psicologi e/o psicoterapeuti e/o pedagogisti;
  • educatori professionali oppure terapisti della riabilitazione;
  • artisti;
  • associazioni di promozione sociale, culturale, artistica.

Per supportare i partecipanti nell’elaborazione del progetto suggeriamo di visionare la pagina relativa alle Unità Operative del Centro Sant’Ambrogio in modo da individuare il target di pazienti, a cui si intende rivolgere le attività artistiche-educative: questa preferenza non sarà tuttavia vincolante.

  

L'iniziativa del Centro Sant’Ambrogio: modalità di partecipazione e criteri di aggiudicazione

Il settore culturale è certamente tra i più colpiti dalle necessarie misure emergenziali: l’iniziativa promossa dal Centro Sant’Ambrogio intende quindi coinvolgere questa categoria per ottenere un comune beneficio e offrire sostegno a chi si trova a fronteggiare l’impasse socioeconomico attuale.

Ciò rappresenta una concreta opportunità per i professionisti di questo settore, che permetterà loro di entrare in contatto con la nostra realtà sanitaria e assistenziale e mettere in campo le proprie competenze per avviare dei progetti artistici e formativi, che metteranno al centro i nostri pazienti e i loro bisogni.  

Ma come si può prendere parte a questa iniziativa? Le modalità sono semplici: è sufficiente inviare il proprio progetto entro e non oltre le ore 12.00 del 20 novembre. L’elaborato descrittivo non dovrà superare le quattro cartelle word e potrà contenere materiale informativo ed illustrativo utile a spiegare più nel dettaglio l’idea di progetto. All'elaborato dovrà essere allegato anche il curriculum vitae della persona referente con tutti i suoi contatti.

Se desideri avere maggiori informazioni sulle modalità di partecipazione, ti invitiamo a leggere il bando di progetto, che contiene tutte le specifiche per inviare correttamente il tuo elaborato.

Una volta approvato il progetto, sarà cura dell’amministrazione del Centro Sant’Ambrogio avviare il secondo step della selezione con l’invito a un colloquio – online o in presenza – della persona referente dell'elaborato. Durante questo colloquio si approfondiranno i temi e le modalità di esecuzione che dovranno essere armonizzate con i percorsi di cura e i protocolli sanitari della Struttura. È bene sottolineare che l’ammissione alla seconda fase non è vincolante per l’attivazione del progetto.

 

Se sei uno psicologo, un educatore professionale o un'associazione di promozione artistica e culturale, puoi partecipare all'iniziativa e inviare il tuo elaborato di progetto, cliccando il bottone in basso e compilando il form.
Saremo lieti di ricevere la tua proposta!

INVIA IL TUO PROGETTO

Ci dedichiamo per missione ai malati e ai bisognosi coniugando l’attenzione al corpo e allo spirito nel rispetto della persona e della sua individualità.
Attraverso la promozione delle opere portiamo il Vangelo nel mondo della sofferenza e del dolore affiancando il paziente come professionisti della salute.

Carta di identità dell'Ordine
Bioetica
Essere Fatebenefratello
New call-to-action

Potrebbero interessarti anche