Menu

Il nuovo Direttore della Residenza Protetta Villa San Giusto: la parola ad Alessandro Santoianni

Alessandro Santoianni è il nuovo Direttore della Residenza Protetta Villa San Giusto: in questo momento così delicato ha condiviso con noi in un'intervista dedicata il significato di assumere la direzione della Struttura e i prossimi progetti e servizi, che verranno avviati per assicurare il benessere degli Ospiti e dei loro cari. 

Continua a leggere. 

 

Il nuovo Direttore della Residenza Villa San Giusto: storia professionale

Direttore di Struttura: Residenza Villa San GiustoL’ambito sociale e sanitario è stato il contesto privilegiato per la mia crescita professionale. L’esordio è avvenuto nella cooperazione sociale impegnata in servizi finalizzati all’inserimento lavorativo di persone svantaggiate, in cui ho ricoperto posizioni di responsabilità commerciale che ho svolto poi in realtà della cooperazione di produzione e lavoro.

Successivamente, per quasi un decennio, ho lavorato nelle aziende sanitarie e ospedaliere del Friuli: prima occupandomi di approvvigionamenti in una delle prime centrali di committenza pubbliche sorte in sanità, e successivamente di programmazione e controllo a supporto della direzione generale, incaricato dello sviluppo di progettualità strategiche.

Più recente è l’impegno nelle Residenze per anziani, iniziato in un’azienda pubblica con la funzione di gestione del personale e delle relazioni con l’utenza. Da quasi un triennio dirigo una realtà parrocchiale che conta quasi 300 posti letto, cui ora si è aggiunto l’incarico a Villa San Giusto.


 

Momento di ripartenza e prossimo futuro: assumere la direzione della Residenza Villa San Giusto

Abbiamo di fronte una prospettiva davvero sfidante. La pandemia ha radicalmente messo in discussione non solo i nostri equilibri gestionali, ma ha rischiato anche di compromettere nell’immaginario collettivo il ruolo e la funzione delle nostre Strutture.

Credo che, quindi, siamo chiamati a ricostruire un legame di fiducia e sintonia con le famiglie, il territorio e le istituzioni, rimarcando il ruolo e il senso di un servizio a favore della comunità necessario e spesso essenziale per la parte più fragile tra gli anziani o chi vive condizioni di disabilità, emarginazione sociale o pregiudizio totale della propria autonomia.

È da oltre un anno che le nostre Residenze sono state costrette a subire condizioni di chiusura e isolamento, in cui siamo stati chiamati a mantenere costante e vivo il legame tra gli Ospiti e i loro familiari, sfruttando le potenzialità offerte dalle tecnologie che, tuttavia, non possono surrogare adeguatamente la vitalità del contatto diretto.

Credo che in prospettiva dovremmo sapere individuare soluzioni logistiche e condizioni organizzative che possano garantire allo stesso tempo la necessaria sicurezza e salvaguardia ai nostri Ospiti e mantenere per i loro cari l’opportunità di una relazione vera e proficua per il loro benessere.

 

L'Ospitalità oggi: incarnare i valori dell'Ordine dei Fatebenefratelli

Vi sono tre aspetti del Carisma dell’Ospitalità di San Giovanni di Dio che mi hanno affascinato e che credo possano ispirare le nostre iniziative e la nostra azione quotidiana.

Il primo è quella di un’Ospitalità che deve sapersi fare integrale, olistica, capace di abbracciare a 360° le persone, di farle sentire degne e vive anche quando funzioni vitali e abilità cognitive sono compromesse. La seconda è quella di un’Ospitalità creativa, capace di individuare soluzioni, risposte, progetti, prospettive adeguate a nuovi bisogni, a complessità sempre più marcate, a sfide impellenti.

E infine, e davvero qui l’ambizione si fa grande, è l’Ospitalità profetica, capace di aprire strade mai percorse e di mantenere viva la consapevolezza e la coscienza circa la necessità di garantire dignità e benessere a chi vive condizioni di bisogno e fragilità.

 

Percorsi istituzionali di riqualificazione e accreditamento: i servizi da rafforzare e i nuovi progetti 

Villa San Giusto è una Residenza riconosciuta per la sua storia, la qualità dei servizi offerti, la peculiarità della sua concezione di assistenza alla persona. In questa fase è, quindi, necessario in primis consolidarne l’offerta per riprendere un deciso processo di accoglimento teso ad una graduale piena occupazione della Residenza.

Dobbiamo preparaci, inoltre, a rispondere a nuovi bisogni del territorio, in particolar modo delle fasce più fragili, garantendo competenza e professionalità adeguate, soprattutto alle complessità emergenti. Per farlo la fidelizzazione dei nostri Collaboratori, la loro valorizzazione e l’affinamento delle loro competenze costituiscono presupposti necessari sui quali cercherò di dare il mio contributo.

Altrettanta attenzione dovrà essere posta ai percorsi istituzionali di riqualificazione e accreditamento della rete dei servizi residenziali, che dovrà vederci protagonisti nella definizione delle prospettive e, soprattutto, disponibili a coglierne le sfide e a sviluppare risposte innovative.

 

Se hai bisogno di ricevere informazioni sulle nostre Strutture, contattaci cliccando il pulsante in basso. Saremo felici di ascoltare la tua richiesta.

Contattaci se hai bisogno

Ci dedichiamo per missione ai malati e ai bisognosi coniugando l’attenzione al corpo e allo spirito nel rispetto della persona e della sua individualità.
Attraverso la promozione delle opere portiamo il Vangelo nel mondo della sofferenza e del dolore affiancando il paziente come professionisti della salute.

Guida al 5 per mille
Test HOOS
Essere Fatebenefratello
New call-to-action

Potrebbero interessarti anche