Menu

Accanto a chi lotta con un disturbo alimentare: come supportare famigliari e amici

Il cammino di guarigione da un disturbo alimentare è un percorso difficile e complesso, che non riguarda solo chi ne è affetto ma anche le persone che gli stanno accanto. Sostenere un familiare o un amico in questa battaglia richiede una comprensione profonda della natura di questi disturbi, un approccio empatico e strategie specifiche. In questo articolo, esploreremo come i caregiver possono offrire il loro sostegno in modo efficace e compassionevole.

Continua a leggere per saperne di più.

 

Comprendere i disturbi alimentari

Prima di tutto, è fondamentale comprendere che i disturbi alimentari, come l'anoressia, la bulimia e il binge eating disorder, sono condizioni complesse che coinvolgono fattori biologici, psicologici e sociali.

Non si tratta semplicemente di cibo o di peso, ma di come la persona usa il cibo per gestire emozioni e situazioni stressanti. Questi disturbi possono avere gravi ripercussioni sulla salute fisica e mentale, quindi è cruciale riconoscerne i segnali e cercare aiuto professionale il prima possibile.

 

Ascolto attivo e non giudicante

Uno degli aspetti più importanti del sostegno è l'ascolto attivo. Mostrare di ascoltare, cercando di capire senza giudicare, può fare una grande differenza per chi sta lottando.

Evitate di focalizzarvi sul cibo o sul peso; concentratevi piuttosto sui sentimenti e sulle esperienze della persona. Ricordate che il vostro ruolo non è quello di "correggere" il problema, ma di essere presenti e supportivi.

 

Informarsi e collaborare con i professionisti

Investire tempo per informarsi sui disturbi alimentari può aiutare a comprendere meglio le sfide che il vostro caro sta affrontando.

Inoltre, è importante collaborare con i professionisti che seguono il trattamento, siano essi psicologi, psichiatri o nutrizionisti. Essere coinvolti nel piano di cura può rendervi una risorsa preziosa per il team terapeutico e per il vostro caro.

 

Creare un ambiente supportivo

Creare un ambiente domestico che promuova la salute e il benessere può sostenere la guarigione. Ciò include non solo un ambiente fisico, ma anche un clima emotivo in cui la persona si senta sicura e accettata.

Evitate commenti sul corpo, sul peso o sull'alimentazione, e concentratevi invece su attività che non sono legate al cibo, promuovendo relazioni positive e autostima.

 

Incoraggiare, ma non forzare

Mentre è importante incoraggiare il vostro caro a seguire il trattamento e a impegnarsi in pratiche sane, è altrettanto cruciale non forzare queste azioni.

La pressione può generare ulteriore stress e resistenza. Celebrate i piccoli progressi e mostrate comprensione per i momenti difficili, ricordando che il recupero è un processo con alti e bassi.

 

Prendersi cura di sé

Non dimenticate di prendervi cura di voi stessi. Sostenere qualcuno con un disturbo alimentare può essere emotivamente impegnativo e può portare a sentimenti di frustrazione, colpa o impotenza.

Considerate l'idea di cercare supporto per voi stessi, che sia tramite gruppi di supporto, terapia o semplicemente condividendo le vostre esperienze con amici fidati.

Stare accanto a chi lotta contro un disturbo alimentare richiede pazienza, comprensione e un impegno costante. Ricordate che il vostro sostegno può fare una grande differenza nel percorso di guarigione del vostro caro. Collaborando con professionisti, creando un ambiente supportivo e prendendovi cura di voi stessi, potete diventare un pilastro fondamentale nella lotta contro i disturbi alimentari.

 

Ricordati, i nostri specialisti sono qui per te. Ancora qualche dubbio? Leggi le domande e le paure di chi è riuscito a superare un disturbo alimentare e le risposte del nostro specialista. 

RICEVI L'APPROFONDIMENTO: IL FUTURO DELLA VITA. 

 

Quest'anno il nostro IRCCS San Giovanni di Dio di Brescia ha avviato un progetto di ricerca sulla sugli effetti che un'abitudine alimentare sana e l'esercizio fisico hanno sulla salute mentale.

Devolvi il tuo 5x1000 alla ricerca e sostieni i nostri ricercatori.

 

Ci dedichiamo per missione ai malati e ai bisognosi coniugando l’attenzione al corpo e allo spirito nel rispetto della persona e della sua individualità.
Attraverso la promozione delle opere portiamo il Vangelo nel mondo della sofferenza e del dolore affiancando il paziente come professionisti della salute.

Guida all'alzheimer
Regolazione delle emozioni
Essere Fatebenefratello
New call-to-action

Potrebbero interessarti anche