<img height="1" width="1" style="display:none" src="https://www.facebook.com/tr?id=681187855637383&amp;ev=PageView&amp;noscript=1">
Menu

Esperienza di fraternità e servizio: i sabati di Quaresima alla Locanda

28 febbraio 2020

Si avvicina il tempo della Quaresima, momento che prepara alla Pasqua, culmine dell’Anno liturgico e della vita di ogni cristiano. Rifacendosi ai quaranta giorni di digiuno vissuti dal Signore nel deserto, la Quaresima rappresenta un vero e proprio itinerario che conduce al Triduo Pasquale, memoria della passione, morte e risurrezione del Signore, cuore del mistero di Salvezza.

Per questo momento, da viver­si come penitenza, impegnati nel rinnovamen­to della conversione, la Pastorale giovanile del nostro ordine ha organizzato un evento per tutti coloro che hanno a cuore l’impegno spirituale della Quaresima.

L’obiettivo ultimo di questa iniziativa è di dare significato al periodo quaresimale attraverso un’esperienza di servizio in vista di un mutamento del nostro pensare, par­lare e operare, di un ritorno al Signore dal quale ci allontania­mo. 

Abbiamo raccolto in questo articolo tutte le informazioni utili sull’evento, che comprenderà i quattro sabati di Quaresima e il Triduo Pasquale. 

 

Perché avete pensato questo evento (7-14-21-28/03 e 04/04)?

Il Tempo di Quaresima è un tempo di riflessione e di condivisione. Ho pensato a questo periodo perché si presta ad una riflessione profonda sul servizio evangelico di attenzione verso persone disagiate e bisognose: un incontro con Dio e con l’uomo che vive situazione emarginazione.

 

Chi lo ha organizzato?

La Pastorale giovanile della Provincia in accordo con il Definitore Provinciale, Fra Giancarlo e Fra Gennaro. 

 

Cosa succederà invece il 9-10-11 aprile? 

É il Triduo Pasquale: una proposta di vivere più intensamente questi giorni che ci incamminano alla Pasqua. Partecipando alle Celebrazioni liturgiche del Triduo Pasquale, vivremo intensamente la Passione del Signore che si concretizza anche con il servizio all’altro.

 

Cos’è la locanda di San Giovanni di Dio? Dove si trova? Di cosa si occupa quotidianamente?

La Locanda è un centro di accoglienza per Senza Fissa Dimora. Vengono accolte persone con problematiche legate all’emarginazione, ma anche persone che decidono di fare un percorso di recupero della propria situazione, per essere reintegrate sul territorio. Nella Locanda vi opera un'équipe composta da un assistente sociale e una psicologa, circa 30 volontari che, insieme ai frati, si alternano nella gestione delle serate e nel soddisfacimento dei bisogni primari di queste persone, oltre che dell’aspetto relazionale.

 

Come si svolgerà questa esperienza di servizio e fraternità concretamente?

L’iniziativa prenderà avvio alle 9 del mattino con un momento di preghiera, seguito dalla presentazione con gli ospiti. Dopo una breve pausa accompagnata da un caffè, inizieranno i lavori e le attività di pulizia e di riordino del centro di accoglienza insieme a tutti i partecipanti.

Alle 11 e mezza verrà preparato il pranzo, che verrà preceduto dalla preghiera dell’ora Di sesta delle 12 e mezza. Si pranzerà, quindi, tutti insieme e dopo verranno svolte attività di riordino e di animazione.

La giornata di concluderà con preghiera dei Vespri delle ore 17 ed infine con la condivisione con i partecipanti all’evento.

Come si fa a partecipare?

Per partecipare basta contattare Fra Angelo al numero o al contatto email di seguito o inserito sulla locandina.

 

Cosa significa fare la Carità oggi?

Porsi in un atteggiamento di ascolto verso le persone che chiedono di dedicare un po’ di tempo.

Anche quest’anno il Signore ci concede un’occasione propizia e favorevole per riconciliarci con noi stessi e con l’altro, per riflettere e per aiutare il prossimo: come ha sottolineato anche il Santo Padre, “la gioia del cristiano scaturisce proprio dall’ascolto e dell’accoglienza”.

 

Se sei interessato:
scrivi a Fra Angelo alla mail fraangelo@fatebenefratelli.eu
telefona al numero 329 1528122.

Ti aspettiamo!

Ci dedichiamo per missione ai malati e ai bisognosi coniugando l’attenzione al corpo e allo spirito nel rispetto della persona e della sua individualità.
Attraverso la promozione delle opere portiamo il Vangelo nel mondo della sofferenza e del dolore affiancando il paziente come professionisti della salute.

Carta di identità dell'Ordine
Bioetica
Essere Fatebenefratello
New call-to-action

Potrebbero interessarti anche