Menu

Nutriti dalla Bellezza: il nuovo corso formativo dell'IRCCS Fatebenefratelli di Brescia

Nutriti dalla Bellezza: è questo il nome del nuovo corso formativo avviato all’IRCCS Centro San Giovanni di Dio Fatebenefratelli di Brescia che indaga con un approccio interattivo e riflessivo il mondo della malattia, del soffrire e del prendersi cura.

Dare voce agli ammalati e agli operatori

Il programma di formazione, suddiviso in tre incontri, ha preso avvio dalla lettura della Lettera Pastorale “Nutriti di Bellezza” di S.E.R. Mons. Pierantonio Tremolada. L’evento vuole stimolare interrogativi e discussioni sul quotidiano della malattia dal punto di vista dell’ammalato e degli operatori che se ne prendono cura, offrendo riflessioni, fatiche e risorse da cui partire per un confronto.

L’obiettivo è di consegnare ai nostri relatori – attraverso queste giornate di incontro e riflessione – la voce degli ospiti e degli operatori, in un rapporto di cura reciproca: affrontare dubbi e perplessità, ma anche ciò che ognuno è in grado di fare e di vivere.

Tutti gli incontri sono costruiti intorno alle parole evangeliche, parole che ci conducono al mistero della malattia, ma anche del supporto e della cura di chi ne ha bisogno.

 

La forza del Vangelo: Irradiazione e Comunione

Le parole evangeliche Irradiazione e Comunione sono state le chiavi di volta del primo incontro, che ha visto come relatori Don Mario Neva e il Dott. Pierangelo Milesi.

Molte sono state le riflessioni sul tema, che ha radici profonde: cosa ci nutre quando non è festa, quali le risorse per sorreggerci e percepire la speranza?
La vita di ognuno di noi è una bellezza possibile, un orizzonte da scrutare: l’importante nei momenti di sconforto e difficoltà è avere una prospettiva.  

In particolare, i partecipanti si sono interrogati sul significato intrinseco della “Comunione”: quale stile adottare, come agire con coerenza e collaborazione? L’esempio da seguire è quello di Gesù.

Nel cristianesimo Dio va verso gli uomini ed annuncia lo spirito di servizio e di comunione. Allo stesso modo, Gesù si avvicina alla città su un asino, nella povertà, nella mitezza, nel servizio. Vedere e sentire con compassione, questo è ciò che fa e che ci insegna. Lui si fa vicino, vede e si prende cura.

 

Prima giornata, “l’Eucarestia”: le riflessioni dei corsisti

Il primo incontro del programma formativo ha trattato quindi un argomento intenso che ha toccato la coscienza dei partecipanti: il mistero dell’Eucaristia.

“Dio arriva ovunque, in ogni persona e lo fa attraverso noi. Con l’eucaristia un pezzo del nostro mondo viene trasformato e diviene Dio. Ogni nostra azione è una trasformazione della realtà.”

Data la profondità degli interventi, percepita attraverso silenzio e ascolto quasi oranti, vogliamo condividere alcuni pensieri e considerazioni dei partecipanti al corso:

“In ogni atto della vita il cristiano è chiamato ad esprimere il vero culto a Dio. Da qui prende forma la natura intrinsecamente eucaristica della vita cristiana. In quanto coinvolge la realtà umana del credente nella sua concretezza quotidiana, l'Eucaristia rende possibile, giorno dopo giorno, la progressiva trasfigurazione dell'uomo chiamato per grazia ad essere ad immagine del Figlio di Dio (cfr Rm 8,29s).”

“Non c'è nulla di autenticamente umano – pensieri ed affetti, parole ed opere – che non trovi nel sacramento dell'Eucaristia la forma adeguata per essere vissuto in pienezza.”

“Alcuni anni fa ho ascoltato nella Basilica di San Giovanni in Laterano a Roma una bella meditazione di Padre Ermes Ronchi sull’Eucaristica, nella quale egli esortava a ‘non uscire da questa vita senza prima aver spezzato qualcosa per gli altri’. Mi sembra un bel significato da dare al mio lavoro di medico.”

 


Se vuoi approfondire il tema del valore della vita nell'ospedale del futuro, clicca il bottone qui sotto e ricevi il documento direttamente nella tua casella di posta.

RICEVI L'APPROFONDIMENTO: IL FUTURO DELLA VITA.  

Ci dedichiamo per missione ai malati e ai bisognosi coniugando l’attenzione al corpo e allo spirito nel rispetto della persona e della sua individualità.
Attraverso la promozione delle opere portiamo il Vangelo nel mondo della sofferenza e del dolore affiancando il paziente come professionisti della salute.

Carta di identità dell'Ordine
Bioetica
Essere Fatebenefratello
New call-to-action

Potrebbero interessarti anche