Menu

Piatti tipici della Liguria: alla scoperta della cucina ligure

Varazze, splendido paese sul mare dov'è posizionata la Casa di Ospitalità Fatebenefratelli, si affaccia sulla costa ligure: una regione ricca di storia, di affascinanti borghi medievali e di piatti tipici che fanno onore alla cultura gastronomica italiana.

Scopriamo insieme alcuni dei principali piatti tipici liguri:

1. I primi piatti tipici della Liguria
2. I secondi piatti tipici della Liguria
3. Prodotti tipici liguri

Continua a leggere

 

 

I primi piatti tipici della Liguria

1. Le trofiette al pesto

Conosciute in tutta Italia, le trofiette al pesto sono il primo piatto di punta della cucina ligure. Un piatto "povero", ideale per chi ama la pasta fresca fatta in casa.

Quello che non tutti sanno è che il termine "trofie", in ligure, è usato per indicare gli gnocchi. Di fatto, però, le trofiette hanno una forma del tutto diversa: sono sottili, allungate e attorcigliate.

La ricetta classica prevede un condimento ben specifico, di tre ingredienti

  • pesto, rigorosamente ligure
  • fagiolini
  • patate.

Ma qual è l'origine di questo primo piatto della Liguria così famoso? Si dice che siano nate ai tempi dei crociati, nel Golfo Paradiso fra i Comuni di Sori, Avegno, Recco e Camogli.

In accordo con la tradizione, a prepararle erano le donne con l'aiuto di una sorta di ferro da maglia in legno con cui arrotolavano il filamento di pasta. Da qui la loro forma intrecciata e allungata: è poi grazie alla ristorazione recchese che sono diventate famose e rinomate in tutta Liguria.

Piatti tipi liguri trofiette al pesto

 

2. I pansoti

Un altro primo piatto tipico ligure sono i pansoti: una pasta ripiena originaria di Genova. La loro forma varia a seconda della zona della Liguria in cui si va: li possiamo trovare sia come piccoli fagottini, oppure come triangoli o mezzalune.

É però proprio la loro forma a ispirare il nome. Infatti, in ligure, "pansa" significa "pancia" e richiama proprio il fatto che si tratta di una pasta ripiena. Cosa c'è allora dentro ai pansoti?

Il preboggion, ovvero le “erbe da cuocere”: il ripieno prevede un mix di erbe diverso a seconda della tradizione. Il tutto è poi amalgamato con il formaggio.

 

3. Le lasagne in perbureira

Piatto meno conosciuto, ma ricco di sapore sono le lasagne in perbureiraCosa significa "perbureira"? Con questo termine si intende la pentola in coccio nella quale venivano originariamente cucinate.

Si tratta di un piatto molto interessante: si tratta di lasagne in brodo di carne, con pancetta e fagioli borlotti. Ad arricchire, altre verdure come sedano, carote e cipolle.

Ancora oggi, è un piatto tipico ligure che non può mancare alla festa patronale a Rocca Grinalda, a Ovada. Ma perché parliamo di piatto tipico della Liguria, se è tradizionale di Ovada? Prima che i Savoia annettessero la città al loro Regno, Ovada era infatti appartenente al territorio ligure!

 

I secondi piatti tipici della Liguria

1. Il coniglio alla ligure

Un altro piatto di punta della Regione è il coniglio alla ligure. La ricetta originale prevede il condimento con le olive taggiasche, erbe aromatiche e pinoli. Il tutto sfumato nel vino rosso.

Un piatto che unisce sapori molto diversi, capaci però di unirsi perfettamente: la carne dolce del coniglio si accosta al gusto amaro delle olive nere, del vino e dei pinoli. 

 

2. La cima alla genovese

La cima ripiena è un altro piatto povero di ingredienti, ma non di sapore.

La ricetta prevede un taglio di carne di vitello, tipicamente preso dalla pancia, piegato in modo tale che possa creare una sorta di apertura da farcire con diversi ingredienti come uova, piselli, animelle, mollica di pane e maggiorana.

Anche per questa tipicità ligure la ricetta varia a seconda della zona in cui si va.

Vuoi conoscere meglio il borgo di Varazze e tutto ciò che ha da offrire? Leggi subito "Scoprire Varazze: la guida completa"

 

Prodotti tipici liguri 

1. L'aglio di Vessalico

Presidio slow food è originario del piccolissimo Comune dell’Alta Valle Arroscia, situato nell'entroterra di Albenga.

Un prodotto tradizionale in tutti i sensi: i suoi bulbi sono da secoli tramandati da agricoltore ad agricoltore per essere coltivati con cura in piccoli appezzamenti montanari. 

É un aglio delicato, dal sapore intenso e anche un po' piccante. Altra caratteristica che lo contraddistingue è la sua conservabilità: dura molto più a lungo rispetto alle altre tipologie di aglio presenti sul mercato. Come assaggiarlo? Ogni anno il 2 luglio a Canvai è tradizione svolgere la settecentesca fiera dell'aglio. 

 

2. Le olive taggiasche

Piccole, ovali e scure. L'oliva taggiasca è stata portata dai monaci San Colombano, provenienti dall'isola monastero di Lerino, a Taggia in provincia di Imperia.

Non sono solo mangiate, ma vengono anche spremute per fare il famoso olio extravergine di oliva ligure, che lo rendono molto gustoso e poco acido.

Qualche curiosità? Vengono raccolte tradizionalmente con il metodo della "bacchiatura": i contadini percuotono i rami della piante con un lungo bastone in legno per far cadere le olive a terra e poi raccoglierle. 

Olive taggiasche prodotto tipico ligure

 

3. Il chinotto di Savona

Un altro prodotto slow food tipico della tradizione ligure. Di cosa si tratta? Il nome può sembrare familiare perché è la base della famosissima bevanda gassata: il chinotto di Savona è un agrume tipico della Liguria coltivato poco distante dal mare, trapiantato nel 1500 da un navigatore savonese.

É una mutazione dell'arancio amaro, non commestibile fresco, ma solo candito. Proprio questa sua caratteristica ha aiutato lo sviluppo di un mercato di canditure in Liguria: dal primo laboratorio nato nel 1877, in pochi anni aprirono molti stabilimenti locali che posero le basi di un’importante tradizione pasticciera.

Oggi, solo poche pasticcerie candiscono ancora i dolci con questo prodotto di nicchia.

 

 

Se vuoi maggiori informazioni sulla Casa di Ospitalità Fatebenefratelli e sulla suggestiva città di Varazze, clicca il bottone in basso e contattaci!

ENTRA IN CONTATTO CON NOI

Ci dedichiamo per missione ai malati e ai bisognosi coniugando l’attenzione al corpo e allo spirito nel rispetto della persona e della sua individualità.
Attraverso la promozione delle opere portiamo il Vangelo nel mondo della sofferenza e del dolore affiancando il paziente come professionisti della salute.

Guida al 5 per mille
Test HOOS
Essere Fatebenefratello
New call-to-action

Potrebbero interessarti anche