Menu

Fibromialgia, cos'è? Dalla cura, ai sintomi fino alla diagnosi

La fibromialgia (FM) è una forma cronica di dolore muscoloscheletrico diffuso e di astenia che si manifesta con dolore intenso a muscoli, legamenti e tendini. L’Associazione Italiana Sindrome Fibromialgica stima che la patologia colpisce circa 1.5-2 milioni di Italiani. Ma di cosa si tratta e come fare a curarla? 

Leggi l'articolo per saperne di più.

 

Che cos’è la fibromialgia: introduzione e sintomi

Con il termine fibromialgia si indica il dolore nei muscoli e nelle strutture connettivali fibrose: si tratta di una forma cronica muscoloscheletrica diffusa e di astenia che si manifesta con dolore intenso a muscoli, legamenti e tendini.

Risulta molto complesso inquadrare la fibromialgia in quanto molti sintomi sono aspecifici e comuni ad altre patologie muscoloscheletriche, endocrine o neurologiche. Per questo motivo, la fibromialgia può assomigliare ad una patologia articolare, anche se consiste in una forma di reumatismo extra-articolare o dei tessuti molli che non provoca artrite o deformità dei tessuti molli.

Inoltre, spesso si presenta come patologia secondaria ad altre patologie sistemiche, ovvero malattie auto immuni, endocrinologiche od oncologiche.

Viene definita “sindrome” in quanto è caratterizzata da segni e sintomi clinici contemporaneamente presenti:

  • dolore muscolare diffuso;
  • disturbi del sonno;
  • stanchezza cronica;
  • colon irritabile;
  • bruciore intimo;
  • difficoltà a concentrarsi e ad effettuare semplici elaborazioni mentali.

Come curare la fibromialgia

Le cause di questa sindrome sono ignote. Nonostante ciò, ci sono differenti fattori, genetici ed ambientali, che scatenano la malattia:

  • eventi stressanti;
  • traumi fisici o psichici;
  • affaticamento;
  • alterazione del sonno;
  • rumore;
  • freddo ed umidità;
  • cambiamenti meteorologici;
  • periodo pre-mestruale.

È improbabile, però, che la fibromialgia sia provocata da un solo fattore: molti pazienti non sono in grado di identificare un singolo evento che abbia causato l’insorgenza dei sintomi.

Gli studi più recenti, considerano anche alterazioni di mediatori chimici: neurotrasmettitori a livello centrale o di ormoni.

 

Terapia e diagnosi della fibromialgia

La diagnosi di fibromialgia è ad esclusione: non ci sono, cioè, test specifici per la diagnosi. È necessaria la raccolta dettagliata della storia del paziente, una visita approfondita e completa e l’esecuzione di test diagnostici mirati a escludere la presenza di altre patologie e condizioni cliniche di dolore cronico e astenia.

Proprio per la complessità del procedimento diagnostico, lo specialista di riferimento è il reumatologo: la diagnosi corretta è fondamentale per poter iniziare cure adeguate.

Essendo, la fibromialgia, una malattia cronica è necessario impostare un percorso terapeutico ad hoc per i singoli pazienti. Un gruppo di studi internazionale ha elaborato alcune raccomandazioni per la gestione di questa patologia.

  • Informare in maniera esaustiva il paziente sulla malattia. È fondamentale l’educazione del paziente; spiegare nel dettaglio le caratteristiche della sindrome, quali possono essere i fattori scatenanti, come può peggiorare la malattia; e bisogna stimolarlo a cambiare le abitudini di vita che potrebbero ostacolare le cure.
  • Strategia terapeutica iniziale, di tipo non farmacologico, e l’approccio multidisciplinare.

Sono inoltre indicate alcune azioni terapeutiche.

  • Farmaci per diminuire il dolore e migliorare il sonno a base di amitriptilina, duloxetina, tramadolo, ciclobenzaprina.
  • Esercizio fisico di tipo aerobico e stretching.
  • Tecniche di rilassamento ed altri metodi di riduzione della tensione muscolare come Yoga, Qi Gong, Tai Chi, sedute di agopuntura.
  • Programmi educativi mirati ed adeguato supporto psicologico.

 

Fibromialgia e alimentazione

Il 40% dei pazienti affetti da fibromialgia soffre di problemi gastrointestinali, come flatulenza, dolore addominale, alterazioni dell’alvo, intolleranza al lattosio e/o alterata sensibilità al glutine non celiaca.

Risulta, quindi, indispensabile adottare una corretta alimentazione per garantire l’apporto di tutti i macro e micronutrienti necessari al funzionamento del sistema nervoso e del muscolo, e per mantenere una buona salute gastrointestinale. In sostanza, l’alimentazione può assumere un ruolo importante per sovrastare il dolore e la stanchezza.

Precisiamo, però, che non esiste una dieta specifica che faccia guarire dalla fibromialgia. Ogni paziente, inoltre, ha esigenze nutrizionali differenti. È possibile indicare alcuni consigli generali:

  • prediligere carboidrati complessi agli zuccheri semplici,
  • evitare caffeina,
  • preferire pesce e carni bianche a carni rosse ed insaccati,
  • limitare il consumo di alimenti raffinati e confezionati,
  • consumare verdura e frutta fresca e di stagione,
  • evitare fritti e condimenti elaborati.

 

Desideri avere maggiori informazioni?
Abbiamo a disposizione un team di Professionisti pronti ad accogliere ogni domanda in pieno spirito di Ospitalità. Clicca il bottone in basso per contattarci.

 

Contattaci se hai bisogno

Ci dedichiamo per missione ai malati e ai bisognosi coniugando l’attenzione al corpo e allo spirito nel rispetto della persona e della sua individualità.
Attraverso la promozione delle opere portiamo il Vangelo nel mondo della sofferenza e del dolore affiancando il paziente come professionisti della salute.

Guida al 5 per mille
Test HOOS
Essere Fatebenefratello
New call-to-action

Potrebbero interessarti anche