Menu

Quali sono le principali problematiche dell’Africa? Alcuni dati

18 gennaio 2023

Il continente africano è uno dei territori più vasti al mondo: con una popolazione di oltre 1 miliardo di abitanti e con una crescita demografica costante, esso rappresenta un contesto piuttosto complesso, caratterizzato da numerose problematiche. Continua a leggere per saperne di più!


In questo articolo parleremo di:
- La crisi climatica: una sfida costante
- Il perdurare di conflitti e le loro conseguenze
- La diffusione di patologie

 

La crisi climatica: una sfida costante

Il fenomeno del cambiamento climatico rappresenta una delle maggiori sfide che il contesto africano si trova ad affrontare da ormai diversi anni. Se, infatti, la crisi ambientale è un’emergenza che riguarda l’intero pianeta, va sottolineato che essa si configura come una problematica ancora più forte per questo continente.

Sebbene l’Africa sia il territorio che contribuisce meno al riscaldamento globale, essa è anche la regione più esposta agli effetti negativi del cambiamento climatico. Secondo il rapporto “State of the Climate in Africa” (2021), nel continente africano, anno dopo anno, continua ad aumentare la temperatura, che sta raggiungendo livelli insostenibili per la popolazione. Il riscaldamento globale nel corso degli anni è stato infatti più rapido in Africa rispetto alla media del resto del mondo, arrivando a toccare temperature di oltre 50 gradi.

Ma non solo: il cambiamento climatico si riflette anche nell’aumento di disastri naturali, che stanno diventando sempre più frequenti negli ultimi anni. Come evidenziato dal report "Weathering the storm" (2020) di Greenpeace, eventi come forti piogge, inondazioni, cicloni tropicali, siccità, ondate di caldo, incendi e tempeste di sabbia hanno colpito nel corso del 2021 diverse regioni africane, causando notevoli problematiche.

Tutti questi fenomeni hanno infatti un impatto estremamente negativo dal punto di vista socio economico, contribuiscono all’aumento della diffusione di malattie nonché della mortalità e creano di conseguenza condizioni di vita inadeguate per la popolazione.

 

Il perdurare di conflitti e le loro conseguenze

Un’ulteriore problematica che il continente africano si trova ad affrontare oggi riguarda la diffusione di conflitti. Secondo l’indagine “The Armed Conflict Location & Event Data Project” (2021), nel corso del 2020, anche a causa della pandemia, si è osservata una diminuzione dei conflitti e della violenza in tutto il mondo, tranne che in Africa. Nel continente africano, infatti, si è osservato nel 2020 un aumento del numero di eventi di violenza politica e di morti causate dai conflitti rispetto all’anno precedente.

Le cause dei conflitti sono di varia natura: dagli interessi politici alla differenza di ideologie religiose, dalle rivendicazioni territoriali agli interessi di natura economica. Il contesto africano è infatti caratterizzato da realtà estremamente diverse tra loro, e ciò si traduce spesso in un aumento degli episodi di violenza, che ogni anno causano numerose vittime, spesso anche civili.

Certamente, come evidenziato dal rapporto “The State of the World’s Human Rights” (2021) di Amnesty International, una diffusione di violenza così radicale va a violare i diritti umani degli individui, che in molti casi si vedono costretti a subire gli abusi di chi detiene il potere o a fuggire alla ricerca di condizioni di vita migliori.

Non sorprende, pertanto, che una delle principali conseguenze del perdurare dei conflitti sia il fenomeno dello sfollamento interno, sempre più diffuso nel territorio africano. Tale espressione fa riferimento a quelle persone che, a causa di condizioni di vita insostenibili, si vedono costrette a lasciare il proprio territorio, rimanendo però all’interno dei confini del proprio paese. 

 

La diffusione di patologie

Infine, un’ultima grande sfida che l’Africa da anni si trova a combattere riguarda la diffusione di numerose malattie, che mettono in pericolo la vita della popolazione, soprattutto quella dei bambini.

Va infatti considerato che tantissimi territori africani sono caratterizzati da povertà e da un sistema sanitario piuttosto carente, e questo si traduce in una forte propagazione di malattie, come malaria, tubercolosi e colera.

Ma non solo: una delle patologie che più colpisce il contesto africano è l’AIDS. Secondo i dati dell’Organizzazione Mondiale della Sanità, degli oltre 38 milioni di individui affetti da tale patologia in tutto il mondo, oltre 25 milioni vivono nel continente africano, un dato che mette in evidenza la reale dimensione di questo problema.

Diventa quindi necessario agire per prevenire e curare tali patologie, che causano svariate vittime ogni anno. 

Vista la diffusione di così tante problematiche, non sorprende che siano numerose le organizzazioni non profit attive nel territorio africano, che agiscono per salvaguardare la popolazione. UTA Onlus è un’Associazione benefica che si occupa di tutelare le popolazioni del Togo e del Benin, che vivono in condizioni di estrema povertà.

Se anche tu vuoi dare il tuo contributo per sostenerci, clicca qui in basso e dona ora!

Dona ora

Ci dedichiamo per missione ai malati e ai bisognosi coniugando l’attenzione al corpo e allo spirito nel rispetto della persona e della sua individualità.
Attraverso la promozione delle opere portiamo il Vangelo nel mondo della sofferenza e del dolore affiancando il paziente come professionisti della salute.

Guida al 5 per mille
Test HOOS
Essere Fatebenefratello
New call-to-action

Potrebbero interessarti anche