Menu

Pronto Soccorso Pediatrico, il nuovo progetto di riorganizzazione: prendersi cura dei più piccoli

Da molti anni l’Ospedale Fatebenefratelli di Erba offre prestazioni di Pronto Soccorso rivolte a pazienti in età pediatrica: la recente pandemia, le indicazioni nazionali sulla attività di triage intraospedaliero, l’evoluzione delle opportunità tecnologiche e del quadro demografico rendono necessario un adeguamento strutturale delle attività del Pronto Soccorso Pediatrico del Sacra Famiglia.

Per migliorare la presa in carico dei nostri “piccoli” pazienti e rendere il percorso di cura più semplice, sicuro e rapido è stato avviato un vero e proprio progetto di riorganizzazione del Reparto: il Dott. Focarile, primario dell’UO di Pediatria, ci racconta gli obiettivi, le prospettive future e le azioni messe in campo per rendere l’attesa e l’accesso alle cure di bambini e dei loro cari più serena e gradevole possibile.

Continua a leggere.

 

 

Pronto Soccorso Pediatrico di Erba, come ci prendiamo cura dei più piccoli 

Il Pronto Soccorso Pediatrico dell’Ospedale Sacra Famiglia Fatebenefratelli serve una popolazione di 12.500 bambini e ragazzi di età 0-18, residenti nei comuni del territorio circostante ad Erba e facenti parte del Consorzio erbese dei Servizi alla Persona: ciò non esclude che molti bambini provengono inoltre anche da altre aree appartenenti alla provincia di Como, di Lecco e Monza-Brianza.

Nel 2019 le visite al Pronto Soccorso Pediatrico sono state 6.338: in media è come se un bambino su due della popolazione di riferimento fosse stato visitato. Nel 2020, anno dell’inizio dell’epidemia Covid-19, le visite si sono ridotte a 2.439, mentre per il 2021 è atteso un valore prossimo alle 3.500 visite

Ma come funziona questo reparto e come avviene la presa in carico dei più piccoli?  Tutti bambini ed gli adolescenti di età inferiore a 18 anni sono valutati dall’infermiere di triage presso il Pronto Soccorso Generale, usando parametri specifici e valori di riferimento per l’età pediatrica. L’infermiere valuta i segni e i sintomi del paziente, identifica le condizioni potenzialmente pericolose e attribuisce un codice colore al fine di stabilire le priorità di accesso alla visita pediatrica.

Al termine della valutazione da parte del Pediatra il bambino può essere:

  • dimesso al domicilio
  • inviato a visita specialistica
  • avviato ad una osservazione di breve durata presso il Reparto di Pediatria
  • ricoverato presso il Reparto di Pediatria. 

La percentuale di pazienti ricoverati a seguito della visita in Pronto Soccorso Pediatrico è passata dal 11,3% del 2019 al 13,4% stimato per il 2021: questo indica una migliore appropriatezza di ricorso al Pronto Soccorso, grazie anche alla comunicazione con i Pediatri di Famiglia ed i Medici di Medicina Generale.



Pronto Soccorso Pediatrico: il nuovo progetto di riorganizzazione

Pronto Soccorso Pediatrico, il nuovo progetto di riorganizzazione

Nella seconda metà del 2021 sono state valutate approfonditamente le criticità e gli aspetti da ottimizzare nella gestione del paziente pediatrico. Ne è scaturito un progetto di riorganizzazione che si propone diversi obiettivi, tra cui:

  • migliorare l’accoglienza
  • ridurre i tempi di attesa e di permanenza
  • garantire la sicurezza dei pazienti e dei familiari
  • utilizzare il percorso stesso come una preziosa opportunità di educazione ed informazione sanitaria.

Tutto questo dovrà avvenire grazie ad un adeguamento di procedure, spazi e strumenti alle linee guida nazionali e alle indicazioni regionali, relative al Pronto Soccorso Pediatrico.

Validato dalla Direzione dell’Ospedale Sacra Famiglia e realizzato grazie al contributo di diversi benefattori, il progetto è realizzato in collaborazione con altre Strutture, così da consentire un migliore uso delle risorse messe a disposizione dell’utenza.

L’opera progettuale è stata infatti definita con la consapevolezza che il Sacra Famiglia è parte della rete di assistenza sanitaria della Regione e che una propria migliore organizzazione può essere un indubbio vantaggio per i pazienti residenti in comuni vicini, ma non immediatamente circostanti ad Erba.



Una migliore accoglienza e cura dei pazienti pediatrici: i principali requisiti di progetto

Quali sono i principali requisiti per la presa in carico del paziente pediatrico? Vediamoli insieme nel dettaglio:

  • I bambini e gli adolescenti che accedono al Pronto Soccorso dell’Ospedale Sacra Famiglia ricevono accoglienza, assistenza e cure secondo uno specifico percorso a loro dedicato.
  • Pronto Soccorso Pediatrico, il nuovo progetto di riorganizzazioneAl familiare che accompagna il paziente sono fornite indicazioni specifiche per facilitare l’orientamento e lo spostamento autonomo all’interno dell’Ospedale, con l’ausilio di segnaletica e materiale informativo.

  • Tutti i bambini e gli adolescenti sono monitorati in relazione al codice di gravità ed è sempre presente un operatore sanitario presso gli ambulatori ai quali accede il paziente. In ogni circostanza l’operatore sanitario opera in prossimità di un altro operatore sanitario.

  • Sono definiti a priori percorsi specifici per l’invio dei pazienti presso altre Strutture, interne ed esterne, sia per prestazioni ambulatoriali urgenti, che differite.

  • L’accoglienza è curata negli elementi strutturali – sale di attesa, arredi, elementi decorativi idonei – e relazionali, grazie anche alla collaborazione di associazioni di volontariato.

  • Ai genitori ed ai bambini più grandi sono fornite informazioni su argomenti di educazione sanitaria o anche di interesse sociale (iniziative dei Comuni), artistico o naturalistico, relative al territorio erbese o limitrofo.

  • Per rendere la permanenza più tempestiva, efficace e sicura, per la diagnosi, la cura e l’assistenza del paziente sono messi a disposizione anche strumenti telematici.



Ospedale Sacra Famiglia di Erba, il Pronto Soccorso Pediatrico e le azioni migliorative

Rendere il percorso di cura più chiaro, sicuro e rapido, migliorare e ridefinire gli ambienti ambulatoriali affinché siano più accoglienti, ridurre i tempi di attesa e semplificare l’accesso: ecco alcuni degli obiettivi chiave del nuovo progetto di riorganizzazione.

Sono numerose le azioni migliorative, definite e già avviate dall’Ospedale Fatebenefratelli di Erba. Scopriamo insieme le principali:

  • adeguamento del personale di assistenza infermieristica pediatrica

  • posizionamento, nella sala di attesa, di un tabellone per la proiezione dei tempi di attesa e di altre informazioni sanitarie

  • adeguamento delle attrezzature cliniche

  • adeguamento degli elementi di arredo, adatto ai pazienti pediatrici

  • revisione e miglioramento del triage in Pronto Soccorso Generale, così da adeguarlo maggiormente alle esigenze dei pazienti pediatrici, come previsto dalle linee guida nazionali

  • attività di formazione del personale sanitario

  • riesame o definizione delle procedure di gestione delle condizioni di più frequente riscontro in Pronto Soccorso Pediatrico

  • revisione dei percorsi interni secondo la logica del “see and treat”

  • definizione di una procedura sulla accoglienza ed umanizzazione del percorso del paziente pediatrico in collaborazione con associazioni di volontariato

  • definizione di una procedura sulla gestione del dolore

  • predisposizione di materiale informativo sui problemi di più frequente riscontro, possibilmente in accordo con i Pediatri di Famiglia ed i Medici di Medicina Generale

  • definizione con i Pediatri di Famiglia ed i Medici di Medicina Generale di modalità operative e comunicative che semplifichino il percorso dei pazienti e al tempo stesso il lavoro dei medici che operano nel territorio. 

Prendersi cura di un'eventuale alterazione dello sviluppo, favorendo una crescita sana e armonica di bambini e adolescenti: la Provincia Lombardo Veneta ha avviato un progetto solidale per raccogliere aiuti per il Poliambulatorio Zero-17 e la Pediatria dell'Ospedale Fatebenefratelli di Erba. Adesso anche tu puoi dare il tuo contributo e regalare alle giovani generazioni un futuro migliore.

Scopri di più sul progetto e offri subito il tuo supporto,
cliccando il pulsante in basso!

DONA ORA

Ci dedichiamo per missione ai malati e ai bisognosi coniugando l’attenzione al corpo e allo spirito nel rispetto della persona e della sua individualità.
Attraverso la promozione delle opere portiamo il Vangelo nel mondo della sofferenza e del dolore affiancando il paziente come professionisti della salute.

Guida al 5 per mille
Test HOOS
Essere Fatebenefratello
New call-to-action

Potrebbero interessarti anche