Menu

Disprassia e deficit di programmazione fonologica: cosa sono e segnali

I Disturbi Specifici del Linguaggio (DSL) sono disturbi del neurosviluppo e si suddividono in diverse categorie. Tra queste si possono citare anche la disprassia e il deficit di programmazione fonologica: che cosa sono e come si manifestano nel bambino? 

Continua a leggere per avere maggiori informazioni.


Disturbi di codificazione fonologica

I disturbi di codificazione fonologica sono una macro categoria di Disturbi del Linguaggio, che a sua volta comprende la disprassia verbale e il deficit di programmazione fonologica. In generale, si tratta di difficoltà di tipo ricettivo che interessano proprio quella componente del linguaggio, ovvero la fonetica, che riguarda i suoni tradizionalmente intesi, considerati sia in modo isolato sia articolato.

Il bambino, in fase di sviluppo, non ha ancora acquisito le basi del linguaggio e pertanto le difficoltà fonetiche si manifestano in una produzione poco fluente e chiara del discorso. Proprio per questo sono anche chiamati Disturbi Espressivi. Tali disturbi si correlano ai Disturbi Misti del Linguaggio che invece sono di tipo pragmatico e non fonetico.

Vediamo ora nel dettaglio cosa caratterizza la disprassia verbale e il deficit di programmazione fonologica.



Disprassia verbale: cos'è e come riconoscerla

I bambini che soffrono di disprassia verbale elaborano un discorso che, pur comprensibile da parte dei genitori, si caratterizza da pochi contoidi. Di cosa si tratta? In questo senso, fanno principalmente uso di un fono, ossia un suono linguistico, che si distingue per avere una configurazione almeno parzialmente chiusa del tratto vocale.

Il discorso appare così poco fluente, data la difficoltà di articolare correttamente i suoni. Il bambino, invece, non riscontra problemi rilevanti a livello di comprensione del parlato altrui.

disprassia verbale

Come riconoscere allora la presenza di disprassia verbale? 

  • Pronuncia sbagliata delle parole, ma non sempre allo stesso modo. Ad esempio, per dire "pappa" il bambino dice talvolta "appa", mentre altre volte "mappa", "tappa".
  • Difficoltà nel pronunciare suoni consecutivi. Scandisce sillaba per sillaba parole molto lunghe e pronuncia lentamente le frasi.
  • Eloquio monotono e lento. Non cambia il tono di voce nel parlare e scandisce lentamente le singole parole presenti nel discorso.
  • Preferenza di suoni. Ripete spesso alcuni suoni nel produrre le parole.

Generalmente, i bambini affetti da disprassia verbale provano una forte frustrazione comunicativa e spesso sono scherniti dai propri compagni. Strettamente connessa è anche l'agitazione a livello comportamentale e motorio.



Deficit di programmazione fonologica: significato e segnali

Si tratta di un ritardo nell'organizzazione della struttura fonotattica: si ha difficoltà a gestire i suoni delle parole. Per questo motivo le parole sono pronunciate con omissioni, sostituzioni e produzioni scorrette dei suoni stessi. 

Inoltre, il bambino esprime solo sillabe piane anche per parole complesse. Ad esempio, al posto di dire "porta" potrebbe dire "po-ta".

Quali sono gli altri segnali di questo deficit?

  • Sostituzione dei suoni
  • Inversione di sillabe
  • Errori consonanti.

Sintatticamente, la frase non appare alterata ma si ha una morfologia grammaticale assente o comunque scorretta

Si tratta di un disturbo che si manifesta spontaneamente intorno ai 5 anni e può portare a problemi nella lettura e nella scrittura o all'accesso lessicale correlandosi così ai Disturbi Specifici dell'Apprendimento. 



Hai il sospetto che il tuo bambino potrebbe avere un Disturbo del Linguaggio?
Scarica subito il Questionario PLC, un breve test che ogni genitore può compilare in autonomia per iniziare a capire meglio lo sviluppo del linguaggio del proprio bimbo.

 

Il questionario PLC per i genitori: 12 domande Disturbi del Linguaggio

 

Ci dedichiamo per missione ai malati e ai bisognosi coniugando l’attenzione al corpo e allo spirito nel rispetto della persona e della sua individualità.
Attraverso la promozione delle opere portiamo il Vangelo nel mondo della sofferenza e del dolore affiancando il paziente come professionisti della salute.

Guida al 5 per mille
Test HOOS
Essere Fatebenefratello
New call-to-action

Potrebbero interessarti anche