Menu

Cosa sono i Disturbi del Linguaggio: una classificazione

Il linguaggio è un aspetto chiave della vita di ognuno di noi: caratterizza l'essere umano in quanto tale e aiuta a dare forma alla realtà. Un'azione semplice e naturale che si impara automaticamente da bambini, ma non sempre è così.

Cosa sono i Disturbi del Linguaggio e come vengono classificati?

In questo articolo parleremo di:


 

Disturbi del Linguaggio: cosa sono

I Disturbi del Linguaggio rientrano all'interno dei disturbi del neurosviluppo del bambino: quell'insieme di patologie che comprende anche i DSA, ovvero i Disturbi Specifici dell'Apprendimento.

Non esistendo ancora in letteratura una definizione univoca, i DSL sono chiamati in molteplici modi, come: Disturbi Primari del Linguaggio, Disturbi Specifici del Linguaggio e Disturbi del Linguaggio

In particolare questi disturbi si manifestano attraverso un ritardo in uno o più ambiti dello sviluppo del linguaggio infantile senza che vi siano però problemi di tipo cognitivo, motorio, sensoriale, affettivo o socio-ambientale.

Ma quando si può iniziare a parlare di Disturbo del Linguaggio in un bambino?

 

Disturbi del Linguaggio

 

 

Disturbo del Linguaggio o ritardo nel parlare?

Imparare a parlare è sicuramente un'attività che richiede tempo, ma non tutti i bambini iniziano a farlo correttamente alla stessa età. 

I 3 anni sono uno spartiacque per lo sviluppo linguistico infantile e permettono di distinguere i late talkers, ovvero i parlatori tardivi, dai bambini che potrebbero effettivamente soffrire di un disturbo. Di conseguenza, i bambini che non sviluppano le normali componenti del linguaggio entro i 3-4 anni potrebbero avere un Disturbo del Linguaggio.

A differenza di altre patologie, i Disturbi del Linguaggio sono spesso identificati in ritardo e senza una diagnosi specifica: si tratta di una forte criticità in quanto un aspetto da non sottovalutare è la loro comorbilità con i DSA quali disgrafia, dislessia e disortografia. Non a caso, lo sviluppo del linguaggio e l’apprendimento della letto-scrittura si fondano su sistemi cognitivi condivisi.

Proprio per questo è necessaria una maggiore consapevolezza e attenzione allo sviluppo linguistico dei bambini, al fine di identificare in tempo eventuali problematiche e porvi efficacemente rimedio.

Ma quali sono quindi i Disturbi del Linguaggio? 

 

 

La classificazione dei Disturbi del Linguaggio

La classificazione dei Disturbi del Linguaggio nasce dal contributo fondamentale di due discipline:

  • la psicolinguistica, che pone maggiore attenzione alla funzione linguistica e alla differenza tra produzione e comprensione; 
  • la neuropsicologia, che si focalizza sul sottoinsieme fonologico, sintattico, lessicale e pragmatico.

Nello specifico, è possibile riconoscere tre grandi macro categorie dei Disturbi del Linguaggio.

 

1. I disturbi misti

Questa prima macro categoria comprende l'agnosia uditiva verbale e il disordine fonologico-sintattico.

L'agnosia uditiva verbale consiste in una difficoltà di tipo recettivo, che riguarda la componente fonologica del linguaggio, ovvero la decodifica e la trascrizione delle parole. La componente linguistica fonologica infatti elabora i suoni in relazione alla loro funzione distintiva, identificandone il significato

Il disordine fonologico-sintattico invece include difficoltà sia percettive che espressive, che comprendono il sistema fonologico ma anche componenti morfo-sintattiche. Nello specifico la morfologia è quella componente del linguaggio che elabora gli aspetti morfologici, ovvero le unità più piccole delle parole dotate di significato, come le radici e le desinenze, sia nella comprensione che nella produzione.

 

Disturbi del Linguaggio bambini

 

2. I disturbi espressivi

Una seconda categoria dei Disturbi del Linguaggio comprende la disprassia verbale e il deficit di programmazione fonologica.

La disprassia verbale si caratterizza dalla difficoltà, o persino impossibilità, di rendere le immagini verbali dei comandi motori per la produzione del discorso. Nello specifico, incide sull’accuratezza e sulla stabilità dei movimenti volontari di tipo oro-linguo-facciali che permettono la corretta produzione del linguaggio.

Il deficit di programmazione fonologica consiste nella difficoltà di organizzare i suoni all'interno delle stesse parole, creando così delle omissioni, ma anche delle sostituzioni, incorrette degli stessi.

 

3. I disturbi nei processi linguistici integrativi

Un'ultima categoria si compone del deficit lessicale-sintattico e di quello semantico-pragmatico.

Il deficit lessicale-sintattico riguarda principalmente l’area lessicale, generando anomie ovvero difficoltà nel riconoscimento e nel recupero delle parole. 

Il deficit semantico-pragmatico invece presenta discorsi fluenti e corretti, sia grammaticalmente che fonologicamente, ma con alcuni problemi a livello contenutistico.

 

 

Imparare a parlare non è quindi sempre semplice e automatico: alcuni bambini hanno bisogno di un maggiore sostegno da parte di professionisti accertati per riuscire a sviluppare tutte le competenze necessarie per affrontare l'articolato mondo della parola.

Hai il sospetto che il tuo bambino potrebbe avere un Disturbo del Linguaggio?
Scarica subito il questionario PLC, un breve test che ogni genitore può compilare in autonomia per iniziare a capire meglio lo sviluppo del linguaggio del proprio bimbo.

Il questionario PLC per i genitori: 12 domande Disturbi del Linguaggio

Ci dedichiamo per missione ai malati e ai bisognosi coniugando l’attenzione al corpo e allo spirito nel rispetto della persona e della sua individualità.
Attraverso la promozione delle opere portiamo il Vangelo nel mondo della sofferenza e del dolore affiancando il paziente come professionisti della salute.

Guida al 5 per mille
Test HOOS
Essere Fatebenefratello
New call-to-action

Potrebbero interessarti anche