Menu

Guida al 5x1000: tutto ciò che devi sapere

10 febbraio 2022

Si sente tanto parlare del 5 per mille, ma non tutti sanno come funziona questo contributo, come si designa e quali sono le differenze rispetto ad altre forme di donazione: cerchiamo insieme di fare chiarezza e di capire come devolvere in modo consapevole la propria firma.


Scopri tutte le sezioni della nostra guida al 5 per mille: 

1. 5 per mille: che cos’è e come si calcola

2. Come destinare il 5x1000: step per compilare il modulo e consigli utili

3. 5x1000: destinazioni e scadenze fiscali del 2022

4. 5 per mille: chi può donare e moduli per la dichiarazione dei redditi

5. Beneficiari del 5x1000: come accreditarsi, elenchi degli iscritti e rendicontazione

6. Differenze tra 2x1000, 5x1000 e 8x1000: quote a confronto

7. Ricerca sanitaria: il 5x1000 come preziosa fonte di supporto

8. Cosa abbiamo realizzato con il 5 per mille: i progetti dell’IRCCS Fatebenefratelli


Buona lettura!

 

 

5 per mille: che cos’è e come si calcola

Il 5 per mille, spesso indicato come “5x1000”, è una quota dell’imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF) che lo Stato italiano distribuisce tra organizzazioni non profit ed enti del Terzo Settore, impegnati in attività di interesse sociale ed iscritti agli appositi elenchi dell’Agenzia delle Entrate.

Non si tratta di una vera e propria donazione: non si beneficia quindi di agevolazioni fiscali, ma allo stesso tempo non comporta oneri aggiuntivi in quanto il cittadino è tenuto comunque a pagare l’IRPEF. Infatti, questa quota viene trattenuta dallo Stato in ogni caso: tuttavia destinando in modo consapevole il 5 per mille, il cittadino compie una donazione senza alcun costo o aggravio fiscale.

È uno strumento democratico per sostenere attività socialmente utili: potendo scegliere a proprio piacimento i beneficiari, il contribuente esercita un’autonomia di scelta esclusiva. Infatti, è solitamente lo Stato a stabilire l’impiego del gettito fiscale, che risulta in questo caso vincolato alle finalità indicate dal cittadino.

Come si calcola quindi il 5x1000? La procedura è molto semplice: dato che il valore del 5x1000 è lo 0,5% della propria IRPEF, per calcolarlo basta dividere la quantità della propria imposta del reddito per 1000 e moltiplicare il risultato per 5. 

Ricorda: il 5 per mille è una somma di denaro calcolata sulla base della tua imposta sul reddito. Ecco di seguito una pratica tabella per aiutarti a capire quanto potrebbe valere il tuo 5 per mille:

REDDITO 5 per mille
15.000 € 17,24 €
20.000 € 24,00 €
30.000 € 38,60 €
50.000 € 76,60 €

 

 

 

Come destinare il 5x1000: step per compilare il modulo e consigli utili

Si può destinare il 5x1000 in due modi:

  • scegliendo solo il settore di interesse sociale;
  • selezionando il settore di interesse e inserendo il codice fiscale dell’ente scelto. 

Nel primo caso, apponendo la propria firma in corrispondenza di una delle 6 caselle presenti nel modello della dichiarazione dei redditi (Modello Unico, CU, 730), i contributi verranno ripartiti tra gli enti che fanno parte della categoria indicata: a questa pagina è possibile consultare l'elenco permanente degli iscritti 2020. 

Per fare in modo che il 5 per mille sia interamente destinato ad uno specifico ente sarà necessario scrivere il codice fiscale del soggetto prescelto nell’apposito spazio. In caso di mancata indicazione della destinazione del proprio 5 per mille, la quota sarà versata ugualmente ma resterà allo Stato.  

Destinazione del 5 per mille
Ricorda che è possibile esprimere una sola preferenza: lo spazio per apporre il codice fiscale dell’ente prescelto è unico e le categorie sono tra loro alternative. Ecco alcuni consigli utili da tenere a mente quando devolvi il 5x1000:

1. Fare attenzione agli enti non autorizzati

Presta attenzione a non scegliere un soggetto non autorizzato e non iscritto agli elenchi dell'Agenzia delle Entrate. Molte istituzioni operano quasi esclusivamente grazie al 5x1000: valuta quindi in modo accurato il beneficiario a cui devolvere la tua quota. 

2. Inserire sempre il codice fiscale dell'ente beneficiario

Se non viene indicato il codice fiscale dell’ente a cui si vuole destinare il 5x1000, la quota sarà ripartita in maniera proporzionale in base al numero di preferenze ricevute dalle associazioni appartenenti alla stessa categoria. Ricorda, quindi, di inserire sempre il codice fiscale del soggetto beneficiario di tuo interesse e di apportare la tua firma

3. Resta aggiornato su come viene utilizzato il tuo 5x1000

Tutte le donazioni raccolte tramite il 5x1000 vengono erogate all'ente scelto in forma anonima: lo Stato, infatti, per ragioni di privacy non comunica i dati delle persone che devolvono la quota tramite la loro firma. È possibile però tramite la rendicontazione fornita dal soggetto beneficiario conoscere l'ammontare della somma e per quali attività il 5x1000 è stato utilizzato. 


Scopri come gli step per destinare correttamente la tua firma, scaricando la Guida completa al 5 per mille.

Guida al 5 per mille

 

 

5x1000: destinazioni e scadenze fiscali del 2022

Le 6 caselle del 5 per mille, indicate nell’apposito modello della dichiarazione dei redditi, corrispondono alle diverse destinazioni a cui è possibile devolvere la propria firma. Ecco tutte le destinazioni:

  • Sostegno del volontariato, delle altre organizzazioni non lucrative di utilità sociale e delle associazioni di promozione sociale
  • Finanziamento della ricerca scientifica e della università
  • Finanziamento della ricerca sanitaria
  • Finanziamento delle attività di tutela, promozione e valorizzazione dei beni culturali e paesaggistici
  • Sostegno delle attività sociali svolte dal comune di residenza
  • Sostegno alle associazioni sportive dilettantistiche

Quali sono le scadenze fiscali del 2022 da tenere a mente per poter devolvere per tempo il 5x1000?

Ecco un pratico calendario con tutte le date utili e non dimenticare così di destinare la tua quota alla causa che più ti sta a cuore:

  • 30 settembre – scadenza per la presentazione del Modello 730 precompilato e/o ordinario
  • 30 giugno – scadenza per la presentazione del Modello Redditi Persone Fisiche (ex Unico) in forma cartacea per il tramite di un ufficio postale
  • 30 novembre – scadenza per la presentazione del Modello Redditi Persone Fisiche (ex Unico) per via telematica
  • 30 novembre – scadenza per la presentazione dell’apposita scheda allegata allo schema di Certificazione Unica 2021 (CU) o al Modello 730/2021 o al Modello Redditi Persone Fisiche (ex Unico). 

 

5 per mille: chi può donare e moduli per la dichiarazione dei redditi

Il 5 per mille è un importante strumento di sostegno per istituzioni che svolgono attività con risvolti sociali: ma chi può destinare questa quota?  

Tutti i contribuenti italiani possono destinare il 5 per mille, ovvero coloro che sono tenuti a versare imposte e tributi stabiliti per legge. Il modulo relativo alla scelta del 5 per mille va compilato e consegnato insieme alla dichiarazione dei redditi, che prevede i seguenti modelli:

  1. Modello Redditi (ex Unico)
    È una dichiarazione unificata e flessibile, utilizzata dai contribuenti non titolari di partita IVA e che non possono assolvere ai propri obblighi dichiarativi ai fini IRPEF tramite il modello 730.

  2. Modello 730
    È invece il modello di dichiarazione dei redditi destinato ai lavoratori dipendenti e ai pensionati.

  3. Certificazione Unica (CU)
    Questa documentazione certifica i redditi da lavoro dipendente e assimilati, ma anche i redditi di lavoro autonomo, le provvigioni e i redditi diversi.

Per saperne di più, leggi subito “Donare il 5 per mille: chi può destinarlo e i moduli per la dichiarazione dei redditi”.

 

 

Beneficiari del 5x1000: come accreditarsi, elenchi degli iscritti e rendicontazione

5x1000: beneficiari e rendicontazione
Un altro elemento fondamentale è che non tutte le istituzioni possono ricevere il 5x1000: a regolare i beneficiari è l’Agenzia delle Entrate che pubblica ogni anno l’elenco degli iscritti. Qual è esattamente l’iter che permette ad un’organizzazione di poter beneficiare della quota? Vediamo insieme.  

1. Iscrizione e accreditamento

Come primo step, gli enti devono essere accreditati in quanto beneficiari: per farlo è necessario rivolgersi alle amministrazioni competenti, che sono suddivise in base all’ambito di riferimento, e rispettare specifici requisiti di iscrizione.

2. Validazione

La richiesta di iscrizione ha una sua scadenza, che coincide con il 10 aprile di ogni anno. In caso di variazioni o errori ogni ente ha la possibilità di richiedere una rettifica.
 

3. Rendicontazione

Quando si diventa beneficiari si è sottoposti ad una serie di obblighi, tra cui quello di rendicontazione: tutti i contributi del 5 per mille ricevuti e le attività svolte con tali contributi devono essere infatti documentati nel dettaglio.  

Se desideri approfondire la tematica, leggi “Iscriversi agli elenchi del 5x1000: come e quando accreditarsi”.  

 

 

Differenze tra 2x1000, 5x1000 e 8x1000: quote a confronto

2x1000, 5x1000 e 8x1000 sono spesso confuse, ma si tratta in realtà di quote molto diverse sia per destinazione sia per finalità. Scopriamo insieme quali sono le principali differenze:

2x1000

Il 2x1000 è una quota dell’IRPEF – lo 0,2% con esattezza – che viene destinata ad una specifica categoria di soggetti: i partiti politici. Come avviene con il 5x1000, è possibile scegliere solo le forze politiche iscritte nel registro dei partiti  e in caso il cittadino-contribuente non indichi alcuna preferenza, le quote rimangono allo Stato.

5x1000

È una forma di finanziamento rivolta ad enti ed organizzazioni che svolgono attività con comprovati risvolti sociali: come visto nei paragrafi precedenti, i beneficiari di questa quota operano nei settori più disparati – dalla ricerca al volontariato, dal Terzo Settore ai Comuni – ma tutti devono perseguire opere di interesse comunitario.

8x1000

Questa quota dell’IRPEF è invece destinata alle confessioni religiose, permettendo alle chiese di finanziare diversi progetti, siano essi umanitari, assistenziali o di culto e la tutela della cultura e degli interessi religiosi.

Quindi, cosa hanno in comune 2x1000, 5x1000 e 8x1000? In sintesi, tutte e tre queste forme di finanziamento sono:

  • quote dell’imposta sul reddito;
  • contributi di tipo libero e gratuito;
  • non sono alternative tra loro, è quindi possibile donare insieme 5x1000, l’8x1000 e 2x1000. 

 

 

Ricerca sanitaria: il 5x1000 come preziosa fonte di supporto

5 per mille e Ricerca sanitaria
Tra gli ambiti che si possono sostenere grazie al 5 per mille ricopre un ruolo di grande rilevanza la Ricerca sanitaria. Seppur semplice e senza costi, è un gesto di generosità e altruismo per dare sostegno alla ricerca rivolta alla cura delle malattie e al continuo miglioramento della qualità di vita degli ammalati, in attesa di una terapia. 

È in questo contesto che opera l'IRCCS Istituto Centro San Giovanni di Dio, dedicando risorse, contributi, mezzi per progetti che abbiano un’applicazione concreta, dai nostri laboratori fino alle cure per i pazienti. Qualità della vita, difesa della salute, tutela della persona umana e dei suoi bisogni di cura: ad oggi è cresciuta la consapevolezza che la ricerca, in particolare quella sanitaria, svolge un ruolo essenziale per il benessere non solo del malato, ma dell’intera comunità.

Nell’ultimo triennio l’attività di ricerca dell’IRCCS Fatebenefratelli di Brescia si è sviluppata seguendo la propria impostazione originale, basata su un approccio a tutto campo ai disturbi mentali e cognitivi, mediante la convergenza di metodologie.

Scopri a questa pagina come diventare parte integrante della nostra Ricerca, un investimento nel futuro della prevenzione, diagnosi e cura delle malattie neurodegenerative, come Alzheimer e Parkinson.  

 

 

Cosa abbiamo realizzato con il 5 per mille: i progetti dell’IRCCS Fatebenefratelli

Ricerca dell'IRCCS Fatebenefratelli di Brescia
Grazie alle firme di tanti che hanno destinato il proprio 5x1000, l’IRCCS Fatebenefratelli di Brescia ha attivato negli ultimi anni numerose attività di ricerca e appositi programmi dedicati allo studio delle malattie psichiatriche e cognitive.

Ogni singolo contributo ha permesso di sostenere i nostri ricercatori e ricercatrici, che ogni giorno cooperano per dare vita a progetti che abbiano un’applicazione concreta, dai nostri laboratori fino alle cure per i malati.  

Ecco le progettualità attivate con i contributi del 5x1000:

  1. Lo studio “Valutazione e trattamento del ritiro sociale in adolescenza” con l’obiettivo di implementare interventi specialistici per giovani che presentino un quadro di ritiro sociale.

  2. “Trattamenti integrati per pazienti con Disturbo Borderline di Personalità e i loro familiari”, progetto che ha previsto un programma psicoeducativo per aumentare la comprensione dei comportamenti problematici. 

  3. “Osservatorio 1625 per la salute mentale giovanile: progetto-pilota per la valutazione precoce integrata del disagio e orientamento verso percorsi mirati”, progettualità di carattere osservazionale e traslazionale con la finalità ultima di attivare un servizio multidisciplinare per il disagio psichico giovanile.

  4. “Potenziamento del servizio di statistica dell’IRCCS Centro San Giovanni di Dio per la gestione e analisi statistica”, i progetti mirano ad assicurare un Servizio di Statistica efficiente e rispondente alle esigenze sia dei ricercatori interni l’istituto che dei partner scientifici di questo.

  5. "Sviluppo di un modello di diagnosi differenziale di demenze, basato su deep learning multimodale", la cui finalità di progetto è lo sviluppo in soli 11 mesi di un algoritmo in grado di caratterizzare e identificare il fenotipo patologico di pazienti afferenti all’IRCCS Fatebenefratelli di Brescia. 

Puoi approfondire gli altri studi di Ricerca, attivati con i contributi del 5x1000, a questa pagina.

Ricercatori IRCCS Fatebenefratelli di Brescia


Devolvere il 5x1000 non costa nulla, ma ha un valore fondamentale: è una fonte di supporto importante per chi, come noi, è impegnato nella Ricerca sanitaria. Con la tua firma puoi sostenere cause rilevanti per te stesso e l’intera comunità, in modo autonomo e consapevole.

Richiedi ora il promemoria al 5x1000 via e-mail, cliccando il pulsante in basso: potrai così avere con te il nostro codice fiscale e conoscere le scadenze fiscali per la dichiarazione dei redditi 2022. 

RICHIEDI IL PROMEMORIA

Ci dedichiamo per missione ai malati e ai bisognosi coniugando l’attenzione al corpo e allo spirito nel rispetto della persona e della sua individualità.
Attraverso la promozione delle opere portiamo il Vangelo nel mondo della sofferenza e del dolore affiancando il paziente come professionisti della salute.

Guida al 5 per mille
Test HOOS
Essere Fatebenefratello
New call-to-action

Potrebbero interessarti anche